Mercoledì, 23 Gennaio 2013 00:00

Per chi...suona la campana?

Scritto da  Franco Subinaghi

La risposta a questo quesito "Hemingwayano" è semplice: la campana, o meglio il CAMPANO, nel bosco suona per coloro che, come noi non amano il suono del beeper, anzi lo detestano in modo deciso, per tre ragioni:

 

- il beeper toglie naturalezza, poeia e misticismo alla caccia al bosco e, nel nostro caso, ci priverebbe della quintessenza della caccia alla beccaccia ovvero di quella sottile suspence che intercorre fra il momento in cui tacciono i campani e quello in cui, scoprendoli in ferma, siamo pervasi da una forte scarica di adrenalina

 

- il campano è a nostro avviso diseducativo nei confronti di molti cani, che non vengono più addestrati al collegamento, dote che riteniamo basilare al bosco, e diseducativo nei confronti di quei padroni ai quali non frega più niente di insegnare al cane il collegamento, tanto "col il beeper lo sento a un chilomentro"....

 

- siamo anche troppo circondati e aggrediti da suoni elettronici, nella vita di ogni giorno a casa, sul lavoro, per strada, perchè ci portiamo appresso un altra cacofonia attaccata al collo dei nostri ausiliari....

 

- da noi alcuni lo usano come strumento-di-prepotenza. basta che il loro beeper suoni, anche se il cane consente in fondo a una fila di quattro o cinque, e il selvatico è merito del loro ausuliare, dato che "suonava il mio beeper" (no comment.....)

 

Il campano è per noi la colonna sonora, il leit motiv delle nostre stagioni beccacciaie: il suo suono ci indica in ogni momento, e con precisione, dov'è e cosa sta facendo il nostro cane, le ferme, le guidate, gli accertamenti, le accelerazioni o i rallentamenti nella cerca oppure se sta bevendo a una bolla e si scuote, uscendone.

 

Sono convinto, per esperienza ahimè ultra quarantennale, che il campano dal suono BASSO, detto anche GRAVE, non danneggi, alla lunga, l'udito del cane che lo porta al collo: esistono comunque in commercio speciali "imbragature" che permettono di piazzarlo in altre parti del corpo, per esempio sotto il ventre dell'animale.

 

Domanda: "come fai a trovare i tuoi gordon nel bosco in Ottobre o Novembre, ancora con la foglia sulla vegetazione?" Semplicemente con l'attenzione costante e infilando i campani su collari FLUORESCENTI gialli, rossi arancio o verde charteuse: basta vedere un paio di centimetri di collare e....si materializza il cane.

Un altro accorgimento è quello di dotare ogni nostra gordon di un campano con una nota diversa di sonorità. Otteniamo ciò in due modi:

 

- dotando le nostre amiche di campani diversi come forma, struttura e suono

 

- usando lo stesso modello di campano per due o più cani, ne abbassiamo il tono avvolgendoli con un numero diverso di giri di nastro isolante anti-acqua.

 

così faccendo sappiamo in ogni momento, riconoscendola dal suono, dovè e che sta facendo ognuna delle nostre tre nerofocate.

 

La dimensione del campano fa sì che lo si possa udire a maggiori distanze: alla nostra Kate, gordon dalla cerca estesa, apponiamo il campano che fu du Bush, setter tricolore dalla grande presa di terreno che riuscivamo sempre a localizzare grazie al suo grosso campano.

 

Con mio figlio Brian, usiamo sopratutto due tipi di campani: quello francese (a destra nella foto), che acquistiamo presso gli amici del Club National des Bécassiers, del quale siamo soci (esistono cinque tipi diversi di sonorità, noi ci serviamo delle due più basse), e quello tipo-sardo, che ordiniamo tramite un noto catalogo italiano di articoli per la caccia (a sinistra nella foto). Il campano sardo, quello vero, ha il battacchio in osso, ed è un piccolo capolavoro artigianale. Noi usiamo quello in commercio col battacchio in metallo.

Esistono poi un'infinità di altri campani per ovini, che acquistiamo alla fiera di Porlezza, di svariate forme, fattezze e suoni, ce n'è per tutti i gusti e per tutti i tipi di....udito

 

Il BUBBOLO (in basso nella foto)è un altro strumento acustico per il reperimento del cane: si tratta di una sfera di metallo contenente una pallina metallica, ne esistono di molte dimensioni ma hanno a mio avviso due inconvenienti: non si odono bene come i campani tradizionali e inoltre non si possono "far tacere" all'occorrenza, riempiendoli con un pezzo di carta o alcune foglie.

 

Li troviamo più adatti ai nostri gattini di casa, sempre nelle...dimensioni adatte.

 

Un'ultima considerazione, assolutamente personale: ripeto che, per me, ognuno è libero di cercarsi il proprio cane nel bosco come vuole e usando gli strumenti che preferisce (localizzatori satellitari inclusi!!). Per quanto mi concerne ritengo il campano più schietto, più sportivo, più....leale. Ma ripeto, è una mia idea individuale. Quello di cui sono invece sicuro è il fatto che, nel CAC dove caccio abitualmente con mio figlio, senza l'aiuto dell'elettronica, il 60-70% dei cacciatori di beccacce sarebbero molto penalizzati e, forse, si rimetterebbero ad insegnare ai loro cani a cacciare....collegati

 

Top
Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. More details…