Print this page
Giovedì, 29 Giugno 2017 00:00

La Libera Caccia non è complice della Regione Lazio e non fornisce alibi

Scritto da 
Rate this item
(0 votes)


Si è consumato l’ennesimo sfregio ai danni dei cacciatori laziali e, come succede troppo spesso, al
danno di un calendario venatorio e di un regolamento sulla caccia al cinghiale assolutamente
intollerabili, si aggiunge anche la beffa di essere indicati come favorevoli.
Il fatto è – e lo diciamo a voce alta – che la Regine Lazio sta spacciando questi ulteriori,
inaccettabili provvedimenti come il frutto di un accordo con le associazioni venatorie che, per
quanto ci riguarda è inesistente e inventato di sana pianta forse per cercare un alibi che non siamo
disposti ad offrire!
La Libera Caccia del Lazio si era dichiarata disponibile ad accettare il nuovo calendario a patto che
fossero state apportate delle modifiche sostanziali alla bozza iniziale.
Tali modifiche non sono neanche state prese in considerazione e quindi è del tutto falso che
l’ANLC regionale concordi sull’articolato appena pubblicato.
I Soci della Libera Caccia e tutti i cacciatori del Lazio devono quindi sapere che il provvedimento
regionale ci è piovuto, come al solito, tra capo e collo e non ne condividiamo né i contenuti né la
forma con cui è stato pubblicato.
Ovviamente ci impegneremo a tutti i livelli e in tutte le sedi affinché il provvedimento regionale
venga modificato secondo le nostre richieste.
Roma, 28 giugno 2107

Alfio Guarnieri
Presidente regionale ANLC

Read 1143 times
Luca Gironi

Latest from Luca Gironi

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. More details…