Sabato, 15 Luglio 2017 00:00

Il Comprensorio Alpino TO3 replica alle accuse del consigliere regionale

Scritto da  Redazione Cacciando
Rate this item
(0 votes)
Durissima reazione da parte del Comprensorio Alpino Torino 3, Bassa Val Susa e Val Sangone, nei confronti di un consigliere regionale del Piemonte, che nei giorni passati su giornali e web aveva attaccato la gestione del CATO3 in relazione ai danni agricoli da fauna selvatica, e nello specifico a quelli patiti ad opera dei cinghiali.
E' stato il consigliere Alfredo Monaco di Scelta Civica, ma un tempo non lontano molto vicino alla destra, a sollevare la questione, riferendo il caso di un'azienda agricola biologica situata all'interno di una zona ripopolamento e cattura (ZRC) sita nei confini del CATO3.
Secondo il consigliere la cattiva gestione ad opera dell'ente avrebbe creato danni agli agricoltori, ed in particolare ad alcune colture di pregio.
Null'altro che propaganda, hanno risposto i rappresentanti del Comprensorio Alpino, e peccato anche che le ZRC sfuggano al loro controllo, essendo di esclusiva competenza gestionale della Città Metropolitana.
Non è questo il primo incidente di percorso del funanbolico consigliere, sempre mal consigliato, distintosi in passato per numerose iniziative contro il mondo venatorio, e che provò pure a farsi eleggere come rappresentante degli enti locali proprio all'interno del Comitato che gestisce unitariamente i comprensori denominati Torino 2 (Alta Val Susa) e Torino 3 (Bassa Val Susa e Val Sangone), cercando anche alleanze con le varie associazioni per ottenerne la presidenza.
La Regione però non è certo assimilabile agli enti locali, e secondo Federcaccia Piemonte Alfredo Monaco non aveva altri titoli o cariche per rivendicare quel ruolo, tanto da sollevare la questione di fronte alla Giunta Regionale.
Nulla accadde e Monaco fu nominato, pur disertando le prime due riunioni dell'insediato Comitato di gestione.
Bastò infatti la sola notifica del ricorso al TAR da parte della più importante Associazione Venatoria piemontese che subito Alfredo Monaco rassegnò le sue dimissioni.
Ora torna alla carica, sbagliando nuovamente bersaglio.  
 
Allegati comunicato del CATO2- TO3 e articolo di Valsusa oggi.
 
Read 1518 times Last modified on Sabato, 15 Luglio 2017 15:55
Top
Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. More details…