Luca Gironi

Luca Gironi

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Lunedì, 24 Aprile 2017 00:00

Firenze: Caccia ai cinghiali in città

Dopo l'incidente che nei giorni scorsi ha visto il ferimento della presidente del consiglio comunale di Firenze Caterina Biti si è proceduto d'urgenza ad una battuta di contenimento. Si tratta dell'ennesima battaglia di quella che ormai sembra una guerra combattuta per tenere i cinghiali fuori dalla città.

 

 

http://corrierefiorentino.corriere.it/foto-gallery/toscana/17_aprile_24/caccia-cinghiale-per-non-farlo-arrivare-all-ospedale-167b342c-28f2-11e7-8e5a-57d6dd441fdc.shtml

 

“Dare all’Arci Caccia tutto il tempo necessario per studiare, capire e decidere”: è questa la decisione assunta dall’Assemblea della Confederazione Cacciatori Toscani che ha preso atto dei problemi presenti in questa Associazione ed ha ritenuto fondamentale offrire una chance per recuperare un rapporto fattivo e di convinta adesione al progetto unitario. Un approccio finalizzato a ricostituire un rapporto di fiducia, dopo che l’Arcicaccia, rappresentata in Toscana dal Presidente Nazionale Sorrentino dopo le dimissioni del gruppo dirigente regionale, aveva deliberato con proprie circolari, di soprassedere agli impegni statutari e associativi previsti dalla Confederazione. Nell’attesa che il chiarimento interno all’ARCI possa svolgersi, in un clima di serenità e con la dichiarata massima disponibilità della CCT, al fine di assicurare l’operatività e lo svolgimento della regolare attività della Confederazione, l’Assemblea al termine di un approfondito confronto, ha deliberato una temporanea sospensione all’Arcicaccia Toscana.

“Non è un rottura e non è un divorzio. E’ una scelta di rispetto reciproco; verso l’Arcicaccia – ha spiegato il segretario della CCT Marco Romagnoli – che ha bisogno di tempo per decidere; una scelta di rispetto verso il diritto e il dovere della CCT di sviluppare liberamente le proprie attività per la caccia in Toscana”. (Confederazione Cacciatori Toscani)

Durante un inconto svoltosi in consiglio regionale, i consiglieri regionali Mauro D’Acri (delegato ad occuparsi del settore caccia per la Giunta regionale) e Arturo Bova (presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta), supportati dal dirigente Cosimo Caridi, hanno dato il via a un tavolo di lavoro con le Associazioni Venatorie che affronti le criticià della caccia calabrese: Piano Faunistico Venatorio, passaggio delle competenze sulla caccia alle regioni, ecc...  

http://www.zoom24.it/2017/04/21/tavolo-regione-calabria-caccia-47526/

 

La sezione provinciale della Federazione Italiana della Caccia di Rimini ha organizzato il prossimo venerdì 28 aprile una serata con l’Ufficio Avifauna Migratoria FIdC aperta a tutti i cacciatori.

L’incontro si terrà alle ore 21 presso il Centro Congressi SGR in Via Chiabrera a Rimini.

I temi della serata verteranno sull’importanza della ricerca per i cacciatori; il calendario venatorio Emilia Romagna 2017; la politica italiana della caccia in Europa.

Interverranno Lorenzo Carnacina, Vice Presidente Nazionale FIdC; il Dottor Michele Sorrenti dell’Ufficio Avifauna Migratoria; l’on. Renata Briano, Eurodeputato al Parlamento Europeo; il Dott. Filippo Segato, Componente Intergruppo Parlamentare Europeo; l’Avv. Stefano Merighi, Presidente Regionale FIdC Emilia Romagna e Stefano Bianchini, Presidente Provinciale FIdC Rimini.

La Regione Umbria, l’Ambito territoriale di caccia PG2 e l’Ufficio Scolastico Regionale lanciano “Sulle tracce della fauna selvatica dell’Umbria”.

Si tratta di un progetto di educazione ambientale indirizzato a far scoprire i più piccoli la ricchezza faunistica del comprensorio e delel specie selvatiche che lo popolano.

Gli alunni delle elementari di Spoleto e Todi saranno coinvolti in un percorso che prevede lezioni in classe tenuti da esperti faunistici e ambientali e in giornate sul campo a contatto con la natura in zone dell’Atc PG2, dove guidati da esperti del territorio andranno alla scoperta di come vive la fauna selvatica, grazie anche all’impegno di tanti volontari che gestiscono attivamente le zone di ripopolamento e cattura.

Pagina 1 di 101
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…