Martedì, 05 Dicembre 2017 00:00

FACE: NELLA COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SULLA PAC MANCANO AZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA

Scritto da 

 

 

Preoccupante per FACE la comunicazione della Commissione europea (CE)* sulla prossima politica agricola comune (PAC), che non riconosce la crisi della biodiversità nei terreni agricoli europei. È significativo che la CE abbia confermato che la prossima PAC includerà nuovamente una struttura a due pilastri in base alla quale gli agricoltori riceveranno pagamenti basati su aree (come previsto dal Pilastro I), che potrebbero anche non fornire beni pubblici diversi dai prodotti alimentari.

La FACE sperava in una migliore struttura della PAC, in base alla quale i pagamenti diretti agli agricoltori sarebbero stati chiaramente collegati a risultati ambientali misurabili. Sebbene l’attuale PAC includa un pagamento volontario di “inverdimento”, la maggior parte delle prove dimostra che ciò è stato inefficace e non è chiaro quale risultato offrirà la nuova PAC in tal senso.

Purtroppo, dal controllo dell’adeguatezza delle direttive sulla natura è emerso chiaramente che l’attuazione della politica della natura dell’UE a livello nazionale è stata molto inefficace. Come possiamo quindi essere sicuri che gli Stati membri daranno la priorità alle azioni necessarie per migliorare la conservazione della biodiversità nella realizzazione della PAC? In generale, i regimi agroambientali volontari nell’ambito del secondo pilastro sono stati infruttuosi a parte alcuni esempi, come i regimi a guida locale e basati sui risultati in alcune parti dell’Europa.

Ciò che è più preoccupante è che non si fa menzione di un nuovo strumento per finanziare la conservazione della natura, che ostacola l’opportunità per la prossima PAC di garantire la necessaria coerenza delle politiche.

La comunicazione della Commissione non propone in che modo i pagamenti diretti (a titolo del pilastro I) saranno effettivamente “semplificati e meglio mirati”, in particolare per quegli agricoltori che mantengano i paesaggi più ricchi di biodiversità (e spesso designati nella rete Natura 2000). In che modo questi agricoltori saranno adeguatamente supportati per garantire che l’attuale problema dell’abbandono della terra sia invertito?

Per FACE, la comunicazione della CE non risolve efficacemente questo problema.

La comunicazione della CE propone anche un “modello di consegna” con un approccio più flessibile per garantire risultati efficaci, ma afferma che: “Gli Stati membri dovrebbero assumersi maggiori responsabilità ed essere più responsabili su come raggiungere gli obiettivi e raggiungere obiettivi concordati”. In tale contesto, gli Stati membri sarebbero responsabili di “fornire un monitoraggio e un reporting credibili delle prestazioni, sottolineando l’affidabilità del bilancio”. Per FACE, questo è il caso in cui l’agricoltura europea potrebbe non riuscire più a raggiungere i suoi obiettivi di biodiversità.

Inoltre, FACE rileva anche l’uso del termine problematico “assistenza ambientale” nella comunicazione della CE. Resta da chiarire se questo significhi “premuroso” per le specie e gli habitat di terreni agricoli rimasti impoveriti in Europa, oppure se invece concentri sul restauro degli stessi.

Pur riconoscendo che la comunicazione sulla prossima PAC segnala che essa debba avere “un forte impegno a fornire beni pubblici e servizi ecosistemici legati al suolo, all’acqua, alla biodiversità, alla qualità dell’aria, all’azione per il clima e alla fornitura di servizi paesaggistici”, molte domande aperte necessitano una risposta, come:

Come sarà realizzato in un modo strategico e misurabile?
Cosa accadrebbe se gli Stati membri non definissero obiettivi quantificati per garantire che questi obiettivi ambientali e climatici concordati siano rispettati?
Cosa accadrebbe se gli Stati membri non decidessero di dare la priorità alla realizzazione di obiettivi ambientali a livello nazionale?
Cosa accadrebbe se gli Stati membri o la CE fallissero nella progettazione di adeguati quadri di conformità e controllo?
Cosa accadrebbe se il proposto “piano strategico della PAC” non obbligasse sufficientemente gli Stati membri a garantire la coerenza delle politiche?
Secondo Ludwig Willnegger, segretario generale di FACE: “FACE è profondamente preoccupata che questa proposta possa portare i 7 milioni di cacciatori europei a vedere ulteriori decrementi ed estinzioni nella popolazione di selvaggina e in altre specie non cacciabili. Ora la Commissione ha un considerevole lavoro da fare per dimostrare in che modo la prossima PAC fornirà risultati sul campo in modo che alcuni dei punti ambiziosi della Comunicazione diventino realtà “.

(www.ladeadellacaccia.it)

Top
Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. More details…