Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; plgSystemK2 has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/plugins/system/k2/k2.php on line 15

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; YtFrameworkTemplate has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/plugins/system/yt/includes/site/lib/yt_template.php on line 16

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; YtFrameworkRenderXML has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/plugins/system/yt/includes/site/lib/yt_renderxml.php on line 13

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; plgUserK2 has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/plugins/user/k2/k2.php on line 15
Cacciando
Menu
RSS

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Cacciando

Cacciando

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il TAR dà ragione all'ENPA e blocca il contenimento dei cinghiali

Con un'ordinanza del 3 ottobre, la n.402, il TAR Piemonte ha accolto un ricorso dell'Ente Nazionale Protezione Animali e bloccato il piano contenimento cinghiali della Città Metropolitana di Torino, che vengono attuati attraverso la collaborazione di selecontrollori abilitati.

Il provvedimento era nell'aria da quando la Corte Costituzionale era intervenuta sulla legge regionale ligure, specificando come anche l'azione di controllo sia assimilabile all'attività venatoria, e quindi i cacciatori potessero parteciparvi solo durante la regolare stagione venatoria, consentendo che al di fuori di quel periodo, o nelle aree ove è preclusa la caccia, gli abbattimenti potessero essere effettuati solo da agenti venatori pubblici.

Secondo il TAR il programma di contenimento attuato dalla Città Metropolitana di Torino per l'anno 2018 aveva ricevuto parere "dichiaratamente sfavorele" dall'ISPRA, anche in riferimento alla preventiva verifica dell’inefficacia dei metodi ecologici, che sarebbero da preferirsi all'abbattimento degli animali.

Tra l'altro il TAR ha precisato come la nuova legge regionale sulla caccia, la n.5 del 19/06/18, abbia tacitamente abrogato la l.r. n.9 del 2000, che di fatto aveva disciplinato la spinosa questione sotto la spinta del mondo agricolo  dei danni preoccupato dal continuo aumento dei danni arrecati alle coltivazioni dai cinghiali.

Ora la Città Metropolitana ha bloccato le battute di contenimento, e c'è da aspettarsi lo facciano anche le altre province, ragion per cui ad abbattere i cinghiali in Piemonte restano i soli cacciatori. Sino a che qualcuno, così come già avvenuto, non tenterà di lasciare a casa anche loro.

In allegato l'ordinanza del TAR da scaricare e leggere.

Liguria: il TAR impallina il calendario

Il TAR accoglie le istanze del mondo ambientalista e i cacciatori liguri dovranno dire addio alla migratoria dopo al tramonto, ai 4 mesi di caccia al cinghiale e vedranno ridursi sensibilmente i tempi di caccia per specie come la beccaccia, il tordo bottaccio e quello sassello.

Sull'argomento interviene il senatore Ligure Francesco Bruzzone: 

Nel prendere atto della sentenza del TAR Liguria sul calendario venatorio recapitata oggi alla Regione, ritengo opportuno esprimere alcune valutazioni. Buona parte delle contestazioni prodotte dalle associazioni animaliste ricorrenti sono state respinte, confermando la sostanziale correttezza del calendario venatorio ligure. Emergono tuttavia alcune novità i cui contenuti lasciano perplesso chiunque intenda affrontare serenamente il tema.

- La specie cinghiale sarà maggiormente protetta, restringendo di un mese e mezzo il periodo di prelievo. Chi lo spiegherà al mondo della ruralità?

- La Liguria sarà sempre più distante dall’Europa. Con questa sentenza vengono ridotti i periodi di prelievo di alcune specie - beccaccia e tordo sassello - usando la motivazione dell’inizio della fase pre nuziale che, però, in Francia, Spagna, Portogallo, Grecia...inizia 40 giorni dopo, ma gli uccelli sono gli stessi. Tutti sappiamo che non esistono le beccacce italiane e le beccacce francesi.

Altre questioni sono state rimesse alla corte costituzionale, ma non sono state sospese. Personalmente, mi permetto di consigliare alla Regione Liguria un immediato ricorso al Consiglio di Stato, assicurando tutti gli interessati, non solo cacciatori, che nei prossimi giorni attiverò iniziative presso i Ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente affinché venga superata questa nuova forma di protezione del cinghiale ottenuta dalle associazioni ambientaliste e affinché la Liguria, ma anche l’Italia, non sia ridicolizzata sulla precocità prenuziale degli uccelli migratori. Daremo battaglia!

Il Ministro Costa fa marcia indietro

(DIRE) Roma - Quello formulato sulla caccia, per la sospensione almeno domenicale di quella più pericolosa, come le battute al cinghiale, “il mio e’ un appello, la competenza è delle Regioni, non ce n’è da parte del ministero sul calendario venatorio”. Quindi, “se le Regioni decideranno di aderire, non potrò che essere contento”, ma “ogni Regione faccia ciò che ritiene, per ora sono in attesa di interlocuzione”. Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, lo dice a RaiNews24.

Arci Caccia: in Puglia l'anno zero della caccia

Il Consiglio Regionale dell’ARCI Caccia Puglia, sente l’esigenza di esternare tutto il proprio disappunto con questo documento di denuncia civile. Il mondo venatorio in Puglia, sta attraversando uno dei momenti più bui della propria storia, crediamo secondo solo agli anni del referendum. Una serie di circostanze hanno minato alla base una minoranza, che, nel suo piccolo è intervenuta in soccorso dei bilanci regionali al momento opportuno, ma di questo non viene mai data notizia dagli organi di informazione, perché a far clamore, spesso, è più un bracconiere “pizzicato” dai Carabinieri Forestali a caccia di frodo, confondendo spesso e volentieri le due categorie, ben distinte, ma che spesso fa comodo accomunare per spirito di economia della carta stampata. Come vorrebbe un equilibrato e moderno stato di diritto, le minoranze dovrebbero essere tutelate, o quantomeno garantite nel rispetto della par condicio. Tuttavia, nei nostri giorni, tutto questo non sta accadendo, anzi, gli insulti sui social, il mancato rispetto delle regole e la mancanza di rispetto, dettata (forse) dalle restrizioni della nuova legge regionale che limita le rappresentanze delle associazioni venatorie ai tavoli istituzionali, ha portato ad ascesa di movimenti che con la caccia hanno poco o niente a che fare. Chi dovrebbe garantire questa minoranza, che assicura il volontariato nella gestione faunistica, la vigilanza, il contenimento dei danni all’agricoltura, che pur contribuisce in maniera cospicua, come già detto, a i bilanci regionali, sono le istituzioni. Quelle istituzioni che hanno contribuito a generare confusione e sconforto tra i cacciatori che stanno pagando il prezzo più alto, e non solo in termini economici. A distanza di circa 10 mesi dall’approvazione della nuova Legge Regionale 59 /2017, che disciplina anche l’attività venatoria, tanto voluta delle stesse istituzioni, ancora non vi è traccia del regolamento di attuazione nonostante sia la stessa legge, all’art. 11 comma 7, a fissare il termine di 60 giorni entro il quale approvare detto regolamento. L’approvazione del regolamento, ad esempio, avrebbe dovuto disciplinare il rilascio delle autorizzazioni dei permessi giornalieri e annuali degli ATC, ove previsto (art. 11 comma 6 legge 59/2017). Al contrario, la mancata approvazione del suddetto regolamento ha generato confusione e difformità nelle procedure lasciando ai commissari (all’uopo nominati) la facoltà di operare come hanno potuto o voluto. In alcuni casi, esasperando le procedure amministrative, a seguito di ciò, molti cacciatori non hanno potuto, dopo tanti anni, partecipare all’apertura della stagione venatoria fuori della provincia di appartenenza. Il regolamento di attuazione inoltre, avrebbe potuto prevedere l’ipotesi di un pacchetto di giornate gratuite da impiegare alla selvaggina migratoria per gli extra provinciali, (proposta delle associazioni venatorie) facendo risparmiare ai cacciatori tempo e denaro. Nel calendario venatorio 2018/19, è stato riportato con un “copia e incolla” lo stesso termine dell’anno precedente per il rilascio dei permessi giornalieri e cioè “dalla terza domenica di settembre”, dimenticandosi le novità, purtroppo negative, che ha introdotto la famigerata Legge 59 /2017, ne è conseguito che moltissimi cacciatori extra provinciali non hanno potuto usufruire della pre apertura fuori dal proprio territorio provinciale in assenza delle prescritte autorizzazioni. Per non parlare di cacciatori che risiedono in località confinanti con altre province con proprietà ricadenti nelle stesse, di fatto, in assenza di autorizzazione gli è stato impedito di esercitare l’attività venatoria nei propri terreni, ci chiediamo se ciò è accettabile. Il commissariamento degli ATC (art. 11 comma 11 legge 59/2017) sembrava la panacea di tutti i mali, sarebbe servito, a loro dire, ad agevolare la realizzazione del nuovo disegno organizzativo degli ATC, con l’approvazione del nuovo PFVR, come sapete derogato e a tutt’oggi non ancora approvato. Ci chiediamo allora: era necessario commissariare gli ATC e delegittimare i cdg legittimi rappresentanti di cacciatori, agricoltori, ecc… ? Anche la nomina dei Commissari non è esente da critiche, infatti gli stessi sono stati individuati tra personale regionale o provinciale come previsto dall’art.11 comma 11 legge 59/2017. Ebbene, l’ art. 11, comma 10, della Legge 59/2017, così recita: “la Regione ha potere di vigilanza, controllo e coordinamento sull’attività del Comitato di Gestione degli ATC. Verrebbe da dire… controllati e controllori!!! Il mondo venatorio è stanco di questa “gestione” e non crediamo si debba sempre ricorrere alla Magistratura o al Giudice Amministrativo per vedere garantiti i nostri diritti. Le Associazioni Venatorie pagano già un gap molto elevato nei confronti delle associazioni ambientaliste/animaliste, che, grazie alla etichetta onlus registrano un vantaggio economico non di poco conto davanti al Giudice Amministrativo. Discorso a parte va fatto pe chi dovrebbe garantire la correttezza ed il rispetto delle leggi. Con questo mi riferisco agli organi deputati alla vigilanza venatoria. Già dai giorni scorsi stiamo assistendo a “spettacoli” riprovevoli nelle nostre campagne. La mancanza di un punto di riferimento certo come poteva essere quello della Polizia Provinciale è ormai un lontano ricordo e i Carabinieri Forestali non possono supplire a tale mancanza coprendo l’intero territorio con ogni conseguenza in ordine alla mancata vigilanza e al proliferare di reati che inevitabilmente ne discenderanno. Credo che sia arrivato il momento di dire basta a queste continue vessazioni e, da questo momento il mondo venatorio sia chiamato a raccolta e all’unità per vedere garantiti i propri diritti senza “se” e senza “ma”. I proclami di qualche nostro collega di passione venatoria, che continua ad ostentare ottimismo e a vantare aleatori risultati non ci tange, la realtà, invece, è una diffusa confusione e un profondo disagio che noi cacciatori stiamo subendo. Questo vuol essere solo uno sfogo di una rappresentanza di cittadini che amano la loro passione e che sono stanchi di rincorrere i propri diritti senza alcuna tutela e garantismo che pur dovrebbe essere riconosciuto loro, semplicemente per il loro status di cittadino di uno stato moderno e civile.

ANLC scrive a Salvini

Paolo Sparvoli, presidente dell'Associazione Nazionale Libera Caccia, ha inviato una lettera aperta al Ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Libera Caccia vuole sollevare l'attenzione del Governo sulle polemiche che stanno investendo il mondo venatorio dopo il tragico incidente di Apricale, durante il quale un ragazzo di diciannove anni è stato ucciso da una fucilata sparata da un cacciatore impegnato in una battuta al cinghiale. La vitima, s'è poi saputo, era anche lei con una fucile pure senza avere porto d'armi e licenza, e forse s'era nascosta in quel roveo per non non essere vista dai cacciatori di una battuta autorizzata; tutto ciò però ha acceso il dibattito sulla pericolosità dell'attività venatoria, e allora Libera Caccia chiede non vengano diffuse notizie incomplete o tendenziose, così come avvenuto in questi giorni.

Di seguito potete scaricare e leggere la lettera aperta.

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura