Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Convegno

 

Comunicato Stampa

 

A Torino un convegno sulla gestione del patrimonio faunistico.

A confronto ambientalisti, cacciatori, tecnici, ricercatori.

 

Venerdì 10 maggio, alla Fabbrica delle “E”, Sala 8 marzo, corso Trapani 95, ambientalisti, cacciatori, tecnici faunistici e ricercatori universitari discutono per un nuovo modello di gestione della fauna selvatica e degli ambienti naturali che riporti nell’alveo scientifico una materia che deve appartenere a tutti i cittadini.

Al mattino, sono programmati interventi sui modelli di gestione degli animali selvatici e dei loro ambienti.

Nel pomeriggio, è prevista una tavola rotonda per indicare alla politica una strada da percorrere per la gestione del bene comune-fauna selvatica.

 

 

Il punto di partenza è un documento redatto da un gruppo di esperti di temi ambientali che ha deciso di ritrovarsi per discutere di un approccio alle tematiche faunistiche e naturalistiche secondo un ambientalismo scientifico.

Il documento rilancia la gestione faunistica ed è stato sottoscritto da una buona parte del mondo tecnico-naturalistico piemontese impegnato tutti giorni a studiare la natura, a conservarla, ad approfondire le problematiche della sua gestione, a suggerire alla politica norme per salvaguardare un patrimonio, appunto, di tutti noi umani.

Quel documento vuole essere la base per una discussione aperta tra mondo ambientalista, mondo scientifico-universitario, parchi, agricoltura, mondo venatorio e politica.

Il presupposto è che la legge considera gli animali e l’ambiente naturale patrimoni indisponibili dello stato, dunque delle collettività.

Superare la sterile contrapposizione emotiva tra animalismo e mercificatori della fauna selvatica è la via da intraprendere se si vuole mantenere il nostro patrimonio faunistico in equilibrio con il resto del patrimonio naturale.

Un ambientalismo che non segua l’animalismo di maniera ma che affronti in modo scientifico e pragmatico la gestione di questo patrimonio collettivo è l’unico in grado di proteggere davvero la natura e regalarla alle generazioni successive di umani. Un ambientalismo che riconosca in pieno agli uomini il compito di custodire e coltivare la natura è l’unico in grado di promuovere politiche concrete per il ripristino degli ecosistemi e per il loro mantenimento.

La vicenda del mancato referendum regionale sulla caccia, che ha infiammato il dibattito politico nella primavera 2012 ha reso evidente a tutti che le questioni legate alla gestione degli ambienti naturali non possono essere lasciate agli approcci emotivi e affettivi che nulla hanno a che fare con le logiche della natura e che allontanano dalle politiche di miglioramento e gestione attiva. Da quello scontro che non ha lasciato né vincitori né vinti, rischia di generarsi uno stallo dove a rimetterci sono soltanto la natura e gli animali. Dalla paura che si è generata di scottarsi ancora con le tematiche legate alla tutela della fauna e alla sua gestione, la politica rischia solo la paralisi.

 

Per contatti stampa:

Massimiliano Borgia

335.5713847

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

Altro in questa categoria: « L'Arci Caccia a Fondi
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura