Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

ENCI E REGIONE BASILICATA FORMALIZZANO L'IMPIEGO DI UNITÀ CINOFILE IN AMBITO FAUNISTICO VENATORIO

ENCI E REGIONE BASILICATA FORMALIZZANO L'IMPIEGO DI UNITÀ CINOFILE IN AMBITO FAUNISTICO VENATORIO

Prosegue con successo l’attività di ENCI in Basilicata, a seguito del protocollo d’intesa siglato lo scorso settembre e finalizzato alla “collaborazione nella specializzazione ed impiego di unità cinofile in ambito faunistico venatorio ed in altri ambiti di rilevanza sociale ed alla valorizzazione di aree per lo svolgimento di attività cinotecniche”.

Assieme alla Regione Toscana ed alla Regione Campania, la Basilicata è stata tra le prime a riconoscere l’importanza della cinofilia specializzata nel settore della gestione della fauna, così come la necessità di valorizzare aree di pregio per migliorare la qualità delle attività cinotecniche funzionali sia alla verifica dei soggetti più idonei agli interventi operativi sul territorio, sia a quelli più interessanti per la selezione zootecnica, indispensabile viatico per il miglioramento funzionale delle razze canine.

Soddisfazione è stata espressa più volte, pubblicamente, dall’assessore alle politiche agricole e forestali Luca Braia, per questi primi mesi di attività svolta in stretta sinergia con gli uffici ENCI e grazie alla quale è già stato possibile realizzare i primi corsi di qualificazione di conduttori di cani da limiere e da traccia e le prime sessioni di abilitazione per cani selettivi su cinghiale.

Altre regioni stanno guardando con interesse ad una intesa con Enci, sia per le attività didattiche destinate alla formazione e specializzazione delle unità cinofile, sia per il miglioramento delle prove di selezione zootecnica attraverso la valorizzazione di aree di pregio da destinare alla cinofilia di alto livello.

Sia il Consiglio Direttivo che gli Uffici ENCI sono parte attiva di questo percorso che pone tutte le strutture territoriali, nonché allevatori, addestratori e conduttori , a servizio della collettività tutta, con progetti di pubblica utilità in cui il cane è nuovamente attore protagonista.

(Il Presidente ENCI Dino Muto)

(www.ladeadellacaccia.it)

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura