Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Libera Caccia: no a proposte vessatorie per la caccia al cinghiale

Libera Caccia: no a proposte vessatorie per la caccia al cinghiale

A seguito della riunione tenutasi alla Fiera del Madonnino a Grosseto il 23/04/2018, su iniziativa della Confagricoltura, e della loro proposta di istituire una cabina di regia Regionale sulla problematica ungulati, la Libera Caccia si dichiara ben disponibile a partecipare e fornire il proprio supporto. Proprio per questo, a giorni, presenteremo delle proposte, dopo quelle già fatte per il calendario venatorio, anche sulla gestione degli ungulati.
Fin da ora però diciamo che siamo fortemente contrari alla proposta, emersa dalle dichiarazioni di Federcaccia, quella di far PAGARE ALLE SQUADRE DEL CINGHIALE i danni di un eventuale zona non vocata, chiamata cuscinetto o buffer o zona grigia, a loro assegnate, è un'assurdità.
I cacciatori già pagano le tasse Nazionali e Regionali, gli ATC, per esercitare la caccia al cinghiale in battuta e per la caccia di selezione al cinghiale al capriolo al daino ed al cervo. Ora vorreste mettere un altro balzello?
No! La Libera Caccia NON CI STA. Non aprirete una strada che porterà poi inevitabilmente a far PAGARE ad ogni distretto di, ungulati, cervidi o bovidi che sia i danni al suo interno. I cacciatori, ribadiamo, oltre a pagare già troppo, sono gli unici che limitano l'espandersi a dismisura di queste popolazioni. Quindi non dovrebbero essere messe loro altre gabelle, ma anzi, dovrebbero essere ricompensati.
Inoltre rimaniamo sbigottiti che non si capisca che questa proposta di Federcaccia porterà le squadre, che economicamente se lo potranno permettere, a cacciare nelle aree non vocate, magari adiacenti anche ad altri distretti di squadre che economicamente non potranno sostenere ulteriori spese.
Quindi la Libera Caccia contrasterà, con tutte le propie forze, questa proposta iniqua, vessatoria e discriminatoria.


Segreteria Regionale Toscana Libera Caccia
Antonio Goretti

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura