Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Umbria: ANLC attacca la Regione sul Calendario Venatorio

Umbria: ANLC attacca la Regione sul Calendario Venatorio

La segreteria regionale della Libera Caccia (Anlc Umbria) raccoglie il malcontento dei propri associati e dei tanti cacciatori per i contenuti del Calendario venatorio 2018/19 preadottato dalla Giunta regionale dell'Umbria. Un Calendario che non accoglie infatti molte indicazioni contenute nell'articolata proposta di integrazione alla bozza elaborata dalla Libera Caccia sulla base dell'attento studio effettuato dal proprio Comitato scientifico nazionale.

 In particolare, si esprime rammarico per il mancato inserimento delle deroghe alle specie piccione selvatico, storno e tortora dal collare, pur consci che alcuni elementi, quali la mancata richiesta dei danni effettuati al mondo agricolo da parte delle suddette specie, poteva essere superata attraverso gli esponenti degli agricoltori in seno agli Atc, i quali avrebbero potuto fornire una quantificazione, anche sommaria, dei danni prodotti da questi volatili. E questo, nonostante altre regioni consentano di cacciare in deroga queste specie, molto dannose per l'agricoltura.

 I cinofili lamentano poi il mancato inserimento della specie quaglia in preapaertura, che avrebbe avuto come prima data utile il 12 settembre. Quanto all'orario generale di caccia, si era chiesto di ritardare la chiusura la sera di soli 15 minuti, così da uniformare l'attività sul territorio regionale, ma anche questo piccolo accorgimento non è stato preso in considerazione.

 Completamente ignorata anche la richiesta di valutare la continuazione della stagione venatoria nel periodo compreso 1 - 10 febbraio alle specie colombaccio e corvidi, così come avviente in altre regioni. Per fare questo l'Anlc aveva infatti richiesto oltre le due giornate di preapertura, di prevedere il fermo dell'attività venatoria alle specie sopra indicate dal 22 al 30 settembre, in modo da recuperare i giorni necessari per attivare la caccia nella prima decade di febbraio.

 In merito al cinghiale la Libera Caccia aveva proposto di uniformare in tutto il territorio regionale il periodo di caccia interessato, e precisamente da novembre a gennaio. Anche in questo caso la Regione ha disatteso la nostra indicazione.

 Inoltre, dal 1° gennaio al 31 gennaio 2019 la caccia potrà essere effettuata solo con appostamento fisso o temporaneo, nonostante fosse stata richiesta, giustificandola con adeguate argomentazioni tecniche, l'estensione alla caccia vagante, anche per garantire la reciprocità con le regioni limitrofe.

Valutiamo invece con soddisfazione che uno dei pochi punti che ha recepito la Regione Umbria, assieme alla pre-apertura nei giorni 2 e 9 settembre, sia l'abbandono del fallimentare "progetto starna", che tanto è costato e, soprattutto, molto terreno cacciabile ha tolto ai cacciatori dei comuni interessati e non solo.

Ma a pochi giorni dall'adozione di un Calendario venatorio che per le ragioni sopra esposte ha scontentato tanti cacciatori, la Regione con una delibera ha vietato ai propri uffici il rilascio di nuove autorizzazioni per appostamenti fissi senza richiamo, giustificando tale incredibile provvedimento con la necessità di uniformare le norme tra i territori delle due province umbre. Ignorando la proposta della Libera Caccia, che rivedeva l'intera materia degli appostamenti fissi, con e senza richiami vivi, e che avrebbe consentito in modo semplice di uniformare e migliorare le regole, senza interrompere il servizio e creare conseguentemente disagi ai cacciatori e alle associazioni. Per questi motivi l'Anlc ha richiesto agli uffici competenti di attivarsi per avere un quadro completo della densità degli appostamenti fissi per ogni Comune.

 

Su questo, ci aspettiamo che la Regione ritorni sulle proprie decisioni, rimuovendo il blocco del rilascio delle autorizzazioni e tenendo conto della proposta formalizzata, con puntualità tecnica e su base scientifica, dalla nostra associazione.

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura