Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

ARCI Caccia Piemonte: Nessun dorma!!

ARCI Caccia Piemonte: Nessun dorma!!

 

Sabato si è svolto il Comitato Direttivo Regionale che ha impegnato tutto il quadro dirigente per perfezionare tattica e strategia di una azione unitaria del mondo venatorio piemontese che chiede a gran voce di modificare una proposta di legge sulla gestione della fauna selvatica della Giunta che penalizza e danneggia in primis i coltivatori e la comunità tutta.
L’ARCI Caccia ha aderito e prepara una iniziativa aperta nella quale auspica che a manifestare ci siano rappresentanze del mondo agricolo e dei tanti paesi i borghi della terra di Piemonte.
Forte delle sue proposte di modifica qualificate tecnicamente e scientificamente inattaccabili l’ARCI Caccia continua e rilancia con energia il lavoro di sensibilizzazione delle forze politiche di tutti gli schieramenti e dei singoli consiglieri affinché non rispondano alla chiamata delle “sirene” di un animalismo dannoso storicamente impegnato in azioni populiste come agitare il referendum regionale per sperare che non fosse mai celebrato per la paura che avevano.
Quest’animalismo vuole solo vedere morti i nostri monti, le campagne.
La politica sta dalla parte di questi signori!

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura