Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

ARCI Caccia e FIdC: Ai cacciatori di Viterbo e Provincia

ARCI Caccia e FIdC: Ai cacciatori  di Viterbo e Provincia

In merito alle modifiche delle procedure per le certificazioni mediche necessarie per rinnovo delle licenze di caccia, novità che ha creato uno stato d’animo particolarmente ansioso e forti preoccupazioni nel mondo venatorio , dopo gli immediati confronti tra la ASL e le associazioni venatorie , dopo che si è avuto l’impegno pieno della politica che rappresenta il nostro territorio alla Regione Lazio, politica vicina ai cacciatori, possiamo adesso affermare che la situazione creatasi si sta risolvendo in maniera positiva.
Tale situazione, che ha visto anche strumentali posizioni sui giornali locali che invece di cercare di risolvere i problemi ai cacciatori ricercavano solo dei fittizi responsabili , ha avuto il suo punto di sintesi nell’ analisi della dirigenza della Asl che approfondendo la problematica dopo l’incontro con le associazioni venatorie sta per procedere a dare delle direttive che non mettono in discussione la giusta precauzione nel rinnovo e nel rilascio del porto d’armi ma ne distinguono le caratteristiche e le procedure da adottare.
Pertanto gran parte delle pratiche per il rinnovo del porto d’armi per uso da caccia avranno procedure uguali a quelle previste in precedenza ,saranno più dettagliate, secondo la normativa vigente, quelle per il primo rilascio o per quei casi che patologicamente necessitano di approfondimento da parte della medicina legale della ASL.
La dirigenza dell’azienda sanitaria locale ci fornirà la procedura che verrà divulgata a tutti i cacciatori. Solo attraverso la costante opera di confronto, di spiegazione della problematica e di quale impatto avrebbe avuto abbiamo ottenuto questo risultato.
Non ci piacciono ne le polemiche ne la politica urlata: ci interessa difendere il mondo venatorio con tutte le sue peculiarità e siamo sicuri che i risultati quando si ottengono e consolidano la fiducia dei cacciatori in chi li rappresenta.
Roma lì 31 Maggio 2018

 

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura