Mercoledì, 28 Settembre 2016 00:00

FEDERCACCIA PIEMONTE AL CONTRATTACCO

Scritto da 
COMUNICATO STAMPA
 
Federcaccia Piemonte contesta apertamente l'operato e le affermazioni dell'assessore Giorgio Ferrero, pubblicate sul quotidiano La Stampa il giorno 27/09/16, in particolare laddove egli afferma come l'operazione di "accorpamento" dei comitati di gestione di ATC e CA sia produttiva di benefici economici per la collettività. 
Al contrario il tutto diventerà ben più oneroso, rendendo difficili e costosi gli spostamenti ai membri dei comitati di gestione, tutta gente che presta volontariamente la propria opera ad esclusione del riconoscimento di un minimo rimborso chilometrico per convocazioni e riunioni.
Le DGR appena approvate hanno l'unica funzione d'indebolire il mondo venatorio, favorendo alcune associazioni politicamente "amiche" e penalizzando esclusivamente Federcaccia Piemonte, che con circa il 60% dei cacciatori piemontesi si troverebbe così ad essere rappresentata in misura eguale a chi ha appena un sesto dei suoi associati: un po' come se il PD avesse in Consiglio Regionale la medesima rappresentanza di SEL o dell' NCD.  Noi non l'accettiamo!
Quanto al fatto vi siano esponenti del mondo venatorio presenti sin dal 1995 nei comitati di gestione è certamente vero, ma riteniamo sia questo un problema che investe tutta la società italiana, e basterebbe solo pensare agli attuali rappresentanti piemontesi per trovarne che sono in politica da almeno quarant'anni.
In merito poi all'introduzione del principio secondo il quale i componenti chiamati a rappresentare una categoria non debbano esercitare attività ricadenti in altre, è chiaramente discriminatorio, e noi crediamo possa essere addirittura incostituzionale.
Per tutte queste ragioni Federcaccia Piemonte si è già attivata con i suoi legali di fiducia al fine di tutelare nelle sedi più opportune gli interessi del mondo venatorio e della sua associazione; se deve essere, sarà un nuovo ricorso, il quinto in due anni, da quando assessore e giunta hanno creduto possibile amministrare l’attività venatoria in regione prestando ascolto alle sole richieste di animalisti ed ambientalisti, e dimostrando sempre scarso o nullo rispetto per i 25.000 cacciatori piemontesi. 
Abbiamo sempre vinto e sarà così anche questa volta.
Torino, 28 settembre 2016  
Top