Menu
RSS
Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

FIDC VICENZA: VIA AL MONITORAGGIO AI PASSI

FIDC VICENZA: VIA AL MONITORAGGIO A…

Riprese le operazioni di ...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

DURA CONDANNA PER OGNI ATTO DI BRACCONAGGIO

DURA CONDANNA PER OGNI ATTO DI BRACCONAGGIO
Riceviamo e pubblichiamo
L’abbattimento illegale di fauna non ha niente a che vedere con la caccia. La Federazione Italiana della Caccia censura con forza comportamenti contrari alle leggi, dannosi e che gettano discredito su un’intera categoria di persone rispettose e attente
È purtroppo giunta in queste ore la notizia del ritrovamento di un Ibis eremita nei pressi di Thiene (Vi), la cui morte dai primi rilievi pare riconducibile a un colpo di fucile. Stessa causa, confermata, per l’altro esemplare di Ibis rinvenuto il primo di settembre a Punta Ala (Gr). Si aggiungono all’aquila di Bonelli ferita a Licata e purtroppo ad altri esemplari di fauna feriti o uccisi fuori dalle regole di cui si hanno notizie in questi giorni.
Fermo e forte è lo sdegno di Federcaccia per questi episodi e la riprovazione per quanti volontariamente si macchiano di queste azioni ingiustificabili.
Il bracconaggio non ha nulla a che vedere con la caccia e come cacciatori siamo i primi a condannarlo duramente, sotto qualsiasi forma si presenti, che sia nei confronti di specie rare e preziose o che si manifesti come prelievo di specie consentite oltre i numeri o in modi diversi da quelli previsti dalle normative.
Sono episodi che gettano discredito su tutti i cacciatori, e sono l’assoluta maggioranza, rispettosi e consapevoli nel loro agire nella piena legalità. I primi, come dimostrano i tanti commenti a queste notizie che ci sono giunti, a indignarsi e a chiedere posizioni decise verso chi agendo fuori delle regole attira su tutta la categoria la riprovazione dell’intera società, vanificando in un attimo tutti gli sforzi fatti quotidianamente per dimostrare che il cacciatore è cosa ben diversa dalla figura dello sparatore scriteriato presentata da certa comunicazione.
Federcaccia valuterà nei prossimi giorni come prendere provvedimenti concreti contro chi viola le leggi e che non può trovar posto fra le file dei propri associati.
 
Roma, 10 ottobre 2016 – Federazione Italiana della Caccia
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura