Martedì, 23 Maggio 2017 00:00

ABRUZZO: ANUU, ARCICACCIA, ENALCACCIA, LIBERACACCIA e URCA bacchettano il Presidente della Regione

Scritto da 

OGGETTO – incontro di stasera sulla caccia a Castelnuovo Vomano

Al Presidente

della Regione Abruzzo

Luciano D’Alfonso

Egregio Presidente, in vista dell’incontro previsto per questa sera a Castelnuovo Vomano le sottoscritte Associazioni venatorie tengono a precisare che esso non è, diversamente da come comunicato da qualcuno, un incontro del mondo venatorio con la politica regionale, bensì una riunione di una sola associazione venatoria, ed i vertici della politica nella materia specifica. Anche la convocazione dei Presidenti di taluni Atc (Ambiti di caccia), espressione anch’essi della medesima Associazione, è cosa ben diversa dalla presenza dei Comitati di Gestione degli stessi Ambiti, nei quali ultimi sono rappresentate tutte le sigle del mondo venatorio, agricolo e ambientalista, quale componenti critiche nella materia faunistica e venatoria.

Le Associazioni comunicanti esprimono rammarico per la scelta dei Presidenti degli Atc teramani di convocare una riunione escludendo a priori le altre Associazioni, siano esse rappresentative dei cacciatori o degli agricoltori. Tra gli argomenti all’ordine del giorno, va aggiunto, figura anche il controllo dei cinghiali, argomento questo particolarmente spinoso nonché attuale, che può essere affrontato, a nostro avviso, solo attraverso la partecipazione della categoria agricola. Al rammarico si aggiungerebbe anche lo stupore qualora la riunione convocata sotto auspici ed argomentazioni di tutto rispetto, si tramuterebbe in una ennesima occasione per i due Atc teramani di fare attacchi sconsiderati e creare inutile confusione per incomprensibili fini politici. Ricordiamo a tal proposito cosa è successo nelle ultime due riunioni convocate dagli stessi Atc e nella stessa sala di Castelnuovo un anno fa alla presenza dell’Assesso i Pepe: ampi discorsi di ore, attacchi ad personam contro gli uffici caccia regionali ed infine, alle richieste di intervenire di qualcuno, il divieto assoluto al contraddittorio e addirittura microfono strappati di mano al Prof. Giuliani di Pesaro, che fecero miseramente finire la serata in bagarre.

Un vero peccato che le tematiche venatorie più attuali, il Calendario venatorio, il Piano faunistico, il controllo del cinghiale, ecc., siano ancora una volta un semplice pretesto per parlarsi addosso, senza confronto e contraddittorio con gli altri portatori di interessi sociali condivisi, per dettare con l’avallo della politica regionale, la linea del pensiero unico. Un vero peccato sostengono le sigle qui raccolte che i temi venatori, già di per se controversi e complessi, vengano utilizzati ancora oggi per fini politici di basso profilo, con l’unico sicuro risultato di far apparire ancor più all’opinione pubblica la caccia come una attività anacronistica.

Nell’ultimo anno la Regione oltre a dover affrontare la riorganizzazione degli Uffici Caccia, ha messo in campo tutti gli strumenti in grado di contrastare i gravi disguidi che il cinghiale sta provocando all’economia regionale – caccia tutto l’anno, selezione, controllo – e di questo le Associazioni scriventi sono grate a Lei e all’Assessore Pepe per l’impegno ed il senso di responsabilità istituzionale che altri non hanno sempre dimostrato. L’Assessore ha avuto al suo fianco le nostre sigle sempre, in particolare in questo processo virtuoso finalizzato a raggiungere adeguate consistenze faunistiche nei vari territori e a perseguire un congruo compromesso tra le diverse esigenze delle produzioni agricole e la caccia.

Le inviamo queste nostre preoccupazioni sull’incontro di stasera, semplicemente come temi di riflessione al fine che Lei possa ponderare la scelta di intervenirvi o meno, in quanto con tutta evidenza, la sua presenza potrebbe essere letta da qualcuno in modo errato.

Grazie per la sua attenzione. Distinti saluti.

ANUU Teramo ARCICACCIA Teramo ENALCACCIA Teramo

LIBERACACCIA Teramo URCA Teramo

Top