Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

FEDERCACCIA METTE IN GUARDIA I CONSIGLIERI REGIONALI DEL PIEMONTE: ATTENZIONE ALLA COSTITUZIONE!

FEDERCACCIA METTE IN GUARDIA I CONSIGLIERI REGIONALI DEL PIEMONTE: ATTENZIONE ALLA COSTITUZIONE!
"De iure", per legge, questo il titolo della lettera aperta che Federcaccia Piemonte ha indirizzato ai Consiglieri Regionali del Piemonte per metterli al corrente degli esiti dell'udienza TAR dell'11 luglio 2017, in cui si discuteva di calendario venatorio e specie cacciabili, oltre che di quello che viene definito l'accorpamento dei Comitati di gestione di ATC e CA, osteggiato da gran parte del mondo venatorio, FIDC in testa.
 
Federcaccia, dopo aver illustrate le decisioni del TAR Piemonte emerse con l' Ordinanza 547/2017, rivendica a sé, e agli altri ricorrenti, il risultato storico che vedrà la questione dellle specie vietate  alla caccia da recenti leggi regionali (pernice bianca, lepre variabile, allodola, fischione, canapiglia, mestolone, codone, marzaiola, folaga, porciglione, frullino, pavoncella, moretta, moriglione, combattente, merlo) di fronte al massimo organo giurisdizionale: la Corte Costituzionale, chiamata a decidere della legittimità dei provvedimenti regionali.
 
Polemica ed ironia invece nei confronti dell'assessore Giorgio Ferrero, che ha parlato apertamente di successo della Regione contro i cacciatori, ma specialmente l'accento è stato posto sulla prossima legge regionale sulla caccia, attualmente in commissione con tre diverse proposte: quella della maggioranza, che inserisce i divieti a tutte quelle specie, una di Forza Italia e l'ultima del Movimento 5 Stelle, talmente riduttiva da non esser nemmeno commentabile.
Il rischio, avverte Federcaccia, è che si lavori su una bozza di legge che presenta già nella sua struttura originaria marcati requisiti di incostituzionalità.
 
Allegata la lettera aperta di Federcaccia Piemonte
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura