Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Abbattuta l'orsa che attaccò e ferì un uomo

Abbattuta l'orsa che attaccò e ferì un uomo
Ieri sera l’orsa KJ2 è stata uccisa nella zona del Bondone, sopra Trento.
L’abbattimento è stato effeettuato  dagli agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento a seguito dell’ordinanza emessa dal presidente della Provincia per garantire la sicurezza delle persone. 
L'orsa era stata identificata a mezzo di analisi genetica precedente. Il 22 luglio scorso, KJ2 femmina di circa 14 anni nata da Kirka e Joze, aveva attaccato un uomo di 69 anni a Terlago. Attualmente in provincia di Trento ci sono circa 50 orsi. 
Proteste da parte della LAV, Lega anti vivisezione,  che nei giorni scorsi aveva inviato una diffida diretta al presidente della Provincia autonoma denunciando l’illegalità del provvedimento, ma il Presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, replica così: "Meglio questo che un bambino ferito". 
"Non siamo qui a gioire per l’abbattimento" continua Rossi, " ma meglio commentare questo tipo di soluzione che qualcosa di ben più grave. Se questo esemplare in questi giorni avesse ferito un bambino o una famiglia con bambini saremo sicuramente a commentare qualcosa di diverso. Si è trattato tratta di un esemplare recidivo, pericoloso per l’uomo e resosi protagonista del ferimento di due persone. Credo che l’abbattimento sia stato necessario". 
 
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura