Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Lupi in Piemonte: ora si chiede l'uscita dal Progetto Life WolfAlps

Lupi in Piemonte: ora si chiede l'uscita dal Progetto Life WolfAlps
Dopo Veneto e Toscana anche in Piemonte la politica regionale sembra interessarsi al problema lupo. 
A farlo Gian Luca Vignale, eletto nella lista di Forza Italia ed ora presidente del Gruppo consiliare del Movimento nazionale, che ha posto il problema all'attenzione del Consiglio regionale. 
"Auspico che la Regione non sostenga partners piemontesi del Progetto WolfAlps" ha dichiarato il consigliere di centrodestra, spiegando poi il perché, " Si è rivelato una delle tante dimostrazioni di come si possano sperperare ingenti quantità di risorse pubbliche per creare tutta una serie di problematiche alla collettività.” 
Vignale ricorda come già il Veneto abbia deciso di uscire dal "Progetto Life WolfAlps", oltre sei milioni d'euro finanziati in gran parte dall'Europa (il 75%), è che ha come principale beneficiario il Parco delle Alpi Marittime. Il progetto scadrà nella primavera del 2018, e da molte parti ormai si chiede che non venga più rifinanziato.
La presenza dei lupi in Piemonte è sempre più massiccia, e dagli iniziali piccoli nuclei in alcune vallate alpine di cuneese e torinese, si è arrivati ad un'espansione a macchia d'olio, con avvistamenti e predazioni un po' ovunque nella regione, e spesso anche in pianura o a ridosso dei grossi centri urbani.
Le proteste salgono forti specialmente dal mondo agricolo, con pastori e allevatori sempre più preoccupati per l'incolumità dei propri armenti, ma anche da molte comunità locali che vedono nel lupo un potenziale pericolo per l'incolumità delle persone.
Diversi pastori e margari hanno minacciato di abbandonare le loro attività in montagna, non potendo sostenere gli ingenti costi legati a prevenzione e difesa di greggi e mandrie, che richiede recinzioni elettriche, cani da guardiania e presenza continua da parte delle persone; tutto questo, secondo Vignale, potrebbe causare gravi ripercussioni per la salvaguardia del territorio stesso e dell’ambiente.
Per queste ragioni il consigliere ha presentato una mozione al Consiglio Regionale del Piemonte con la quale si chiede alla giunta l' impegno a realizzare concreti interventi, oltre a provvedere sollecitamente al pagamento di tutti i danni diretti ed indiretti legati alla presenza del lupo sul territorio.
Da ultimo, e certo non meno importante, si chiede al Governo di attuare subito il così detto "Piano Azione Lupo",  gestione e contenimento del predatore, proprio come avviene già in altri Paesi europei, come la confinante Francia.
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura