Menu
RSS

facebooktwitteryoutubehuntingbook


Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; Services_JSON has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/administrator/components/com_k2/lib/JSON.php on line 127

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; Services_JSON_Error has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/administrator/components/com_k2/lib/JSON.php on line 794

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; Services_JSON_Error has a deprecated constructor in /var/www/clients/client1/web107/web/administrator/components/com_k2/lib/JSON.php on line 806

SARDEGNA: IL TAR SOSPENDE LA CACCIA A PERNICE SARDA E LEPRE SARDA

SARDEGNA: IL TAR SOSPENDE LA CACCIA A PERNICE SARDA E LEPRE SARDA

 

 

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) si è pronunciato a favore del ricorso proposto dall’associazione Gruppo di intervento giuridico Onlus contro la Regione autonoma Sardegna e Libera Associazione Sarda della Caccia, cui si erano aggiunte ad opponendum Federcaccia Sardegna, Unione cacciatori di Sardegna (U.C.S.), Caccia Pesca Ambiente (C.P.A.) Sardegna.

Il ricorso chiedeva l’annullamento del DA 25/15746 del 21.7.2017 di approvazione del calendario venatorio nella parte riguardante la cacciabilità di lepre sarda e pernice sarda.

“Considerato che allo stato manca un ‘monitoraggio aggiornato’ in relazione alle due specie (lepre sarda e pernice sarda) per le quali l’Associazione ricorrente richiede un peculiare regime di tutela – si legge nell’Ordinanza -; rilevato che l’ammissione di due (mezze) giornate di caccia (il 24 settembre e l’ 1 ottobre 2017) determina oggettivamente una riduzione degli esemplari (rispettivamente 2 e 4 per ciascun cacciatore); considerato che anche l’ISPRA ha richiesto (con documento del 30.6.2017, pag. 4, in due punti) una sospensione della cacciabilità di queste due specie, in assenza di specifici dati sulla loro consistenza; considerato che il Piano è in formazione; rilevato che non può escludersi, alla luce di tali considerazioni formulate dall’organo tecnico, che si possa attuare un rischio di rarefazione e/o estinzione; considerato che l’ammissione alla caccia in carenza di dati aggiornati potrebbe provocare concreti danni al patrimonio faunistico; rilevata la possibile incidenza, anche, del grave stato di siccità e di incendi riconosciuto in sede di emergenza dalla stessa Regione; considerato che non si può escludere, allo stato, che vi possa essere un concreto rischio di grave riduzione e/o estinzione di queste due specie; ritenuto, in conclusione, che, per queste due tipologie, debba essere privilegiata, nell’attesa di rilievi adeguati ed aggiornati, la tesi della sospensione (divieto temporaneo) della caccia, in applicazione del principio di precauzione, esplicativo della doverosa cautela vigente in materia di difesa ambientale; il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima), accoglie la domanda cautelare e per l’effetto:

a) sospende, in parte qua, il Calendario Venatorio 2017/2018, limitatamente alle 2 specie (lepre e pernice sarde);

b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 20 dicembre 2017.”

(www.ladeadellacaccia.it)

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura