Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

IL VENETO FUORI DA LIFE WOLFALPS

IL VENETO FUORI DA LIFE WOLFALPS
Il Veneto non rinnoverà gli impegni legati al Progetto Life WolfAlps, cofinanziato dall'Europa.
L'ha ufficialmente comunicato l'assessore Pan, segnalando che verranno comunque spesi gli ultimi soldi destinati ad interventi nella Regione, e cioè circa 430 mila euro in 5 anni di cui 130 mila a carico dei contribuenti veneti.
Va ricordato come il Progetto, che ha come capofila il Parco delle Alpi Marittime,  sia costato in totale quasi sei milioni e mezzo d'euro, e scada la prossima primavera.
Ancora nulla si sa sulla possibilità di rinnovo di fondi e progetto, anche perché contro l'operazione, che dovrebbe avere lo scopo di favorire e coordinare azioni di conservazione della popolazione alpina di lupo garantendo la convivenza con le popolazioni locali, si sono appuntate feroci critiche, e vi sono fortissime resistenze da parte del mondo agricolo, in primis allevatori e pastori, ma anche di molti amministratori locali che cominciano a paventare il rischio di un'eccessiva presenza di lupi sul territorio.
Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura