Domenica, 11 Febbraio 2018 00:00

Cruciani, Prandini e Testa protagonisti degli eventi della UNA a HIT Show

Scritto da 
 
I pregiudizi sulla gestione ambientale e faunistica e l’ideologia del NO a tutto al centro degli eventi organizzati dalla Fondazione UNA all’interno della Fiera di Vicenza
 
Vicenza, 10 febbraio 2018
 
La lotta ai pregiudizi sulla gestione ambientale e faunistica e l’immobilismo causato dall’ideologia del NO sono stati gli argomenti al centro degli eventi organizzati a Vicenza dalla Fondazione UNA Onlus all’interno di HIT Show.
Si è partiti dall’incontro “A caccia di pregiudizi” a cui hanno partecipato Giuseppe Cruciani, giornalista e conduttore della famosa trasmissione “La Zanzara” e Ettore Prandini, vice presidente nazionale Coldiretti.
I pregiudizi affrontati durante la discussione sono quelli raccontati da Cruciani all’interno del suo libro “I fasciovegani”, dedicato agli eccessi ideologici del veganesimo, diventata secondo l’autore una vera e propria religione. “Io sono per la libertà individuale – ha commentato Cruciani all’interno di una HIT arena stracolma in ogni ordine di posto – ma non tollero che i vegani diano dell’assassino a chiunque scelga liberamente di mangiare carne. La carne fa parte della dieta mediterranea che è comunemente considerata come la più sana al mondo – ha replicato Ettore Prandini – come Coldiretti siamo orgogliosi dei nostri allevatori che producono cibi di origine animale che rappresentano un’eccellenza alimentare, così come lo è la carne di selvaggina”.
Su questo tema e sul ruolo dei cacciatori nella gestione ambientale e faunistica, molto sentito dalla platea di HIT Show, Giuseppe Cruciani è stato molto chiaro: “i cacciatori sono i più attenti all’ambiente, perché vivono la natura e la difendono. Quella dell’ambientalismo da salotto è una bufala, sono gli stessi che portano i cani nella spa, comprano i cappottini per animali e si scandalizzano se si mangia un coniglio. I cani dei cacciatori, invece, vivono liberi in natura”.
Ma la gestione della fauna è uno degli argomenti di punta di Coldiretti: “le nostre colture agricole subiscono danni ingenti ogni anno a causa di specie in sovrannumero, per esempio i cinghiali – ha dichiarato Ettore Prandini – tale emergenza va certamente gestita anche con il supporto dei cacciatori, che sono le prime sentinelle dell’ambiente”.
Il no indiscriminato ed ideologico a tutto è stato, invece, al centro dell’incontro successivo che ha visto protagonista Chicco Testa, autore del libro “Troppo facile dire di no”.
“L’astensione e l’inattività totale sono il modo peggiore per mantenere un giusto equilibrio ambientale – ha dichiarato Testa – esiste un ambientalismo di pancia, che dice no a tutto, in nome di una verginità della natura ormai inesistente, e poi c’è un ambientalismo razionale che si basa su criteri scientifici. Anche l’uomo deve compartecipare all’equilibrio ambientale – ha concluso Testa – per esempio attraverso la caccia attuata nel rispetto dei criteri di legalità, con l’importante contributo delle associazioni venatorie”.
Top
Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. More details…