Menu
RSS
Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

FIDC VICENZA: VIA AL MONITORAGGIO AI PASSI

FIDC VICENZA: VIA AL MONITORAGGIO A…

Riprese le operazioni di ...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Danni da ungulati: Cia Liguria pretende interventi

Danni da ungulati: Cia Liguria pretende interventi

 

Vigne rovinate dagli ungulati e produzione di vino a rischio. I danni rilevati dall'azienda agricola Fratelli Pozzo di Cisano sul Neva, provincia di Savona, sono quelli che molte aziende stanno avendo per colpa di daini e caprioli. A poco serve recintare e cresce l'esasperazione degli imprenditori.

"Sono necessarie misure straordinarie per ridurre la presenza degli animali selvatici. - commenta Aldo Alberto, presidente CIA Liguria - Fino ad ora abbiamo assistito ad azioni insufficienti e poco incisive, siamo stufi di essere osannati come ambasciatori del territorio quando serve ed essere puntualmente dimenticati di fronte ad un problema che denunciamo da anni. Non ci interessano nemmeno più i risarcimenti, per altro sempre più simbolici, né pensiamo sia giusto e possibile recintare tutti le coltivazioni della Liguria. Ora pretendiamo interventi seri, coordinati e costanti, un vero e proprio piano che affronti il problema in maniera concreta e convinta. E la Regione Liguria deve farsi carico di affrontare il problema non solo con provvedimenti regionali, ma portando la gravità della situazione anche a livello nazionale".

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura