Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Basilicata: Approvato il calendario venatorio

Basilicata: Approvato il calendario venatorio

La Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’assessore Luca Braia, il calendario venatorio regionale per la stagione 2018/2019, il tesserino venatorio e il “Progetto di indagine sulla biologia riproduttiva della lepre europea attraverso analisi di campioni biologici degli esemplari abbattuti nel corso della stagione venatoria” finalizzato alla pianificazione di un prelievo sostenibile della specie in Basilicata.

La stagione venatoria ha inizio il 1 ottobre 2018 e termina il 30 gennaio 2019.

Lo rende noto il Dipartimento Politiche agricole e forestali.

“Il Calendario venatorio regionale - dichiara l’assessore Luca Braia - è stato redatto dall’Ufficio Foreste e Tutela del Territorio con un grande lavoro di coordinamento per il quale ringrazio il dirigente Eligiato e la dottoressa Lanzieri. Si è tenuto conto della normativa vigente e delle indicazioni di Ispra oltre che del Piano faunistico venatorio regionale, ed è stato approvato all’unanimità dopo tre incontri concertativi in sede di Comitato tecnico faunistico venatorio regionale, riunitosi appositamente.

Il Comitato tecnico faunistico venatorio ha anche registrato posizioni differenti che comunque sono state ricondotte a una decisione di responsabilità, al fine di non protrarne l’approvazione a settembre, mettendo a rischio l'apertura della stagione stessa.

La Regione Basilicata regolamenta l’esercizio dell’attività venatoria e consente il prelievo venatorio secondo il principio della caccia programmata e controllata, per tutelare la fauna selvatica e le produzioni agricole sul territorio regionale.

L’Osservatorio regionale degli habitat naturali e delle popolazioni faunistiche (Orhpf) sta monitorando le specie tortora, quaglia e colombaccio. Tali dati necessari, e a oggi inesistenti, saranno ripetuti nei prossimi anni e resi disponibili dal Dipartimento Agricoltura e successivamente utilizzabili.

Sono stati valutati, condivisi e stabiliti - conclude l’assessore Braia - i periodi e le specie cacciabili, le giornate di caccia e l’orario in cui è consentita (tre a scelta con esclusione di lunedì, martedì e venerdì e da un’ora prima del sorgere del sole fino al tramonto), i limiti di carniere giornaliero e annuo, l’uso e l’addestramento di cani da caccia (dal 18 al 30 agosto, periodo in cui risulta minimale il disturbo sulle popolazioni selvatiche), gli obblighi dei cacciatori e le modalità per l’attuazione dei piani di controllo delle specie di fauna selvatica”.

Per la specie lepre comune e per l’attuazione del progetto denominato “Indagine sulla biologia riproduttiva della Lepre europea attraverso analisi di campioni biologici (avambraccio e utero) di esemplari abbattuti nel corso della stagione venatoria 2018/2019” la stagione venatoria ha inizio il 16 settembre 2018 e termina il 30 dicembre.

Il progetto innovativo e sperimentale, approvato da Ispra, consentirà alla Regione Basilicata di dotarsi del quadro conoscitivo della popolazione della lepre europea per una sua corretta gestione faunistica e sarà realizzato mediante il coinvolgimento dei cacciatori residenti in Basilicata, appositamente formati al monitoraggio dal personale dell’Orhpf, soggetti che effettueranno la raccolta dei campioni biologici. Il reclutamento è aperto fino al 10 agosto, data entro cui i cacciatori interessati possono inoltrare domanda di adesione all’Ufficio foreste e tutela del Territorio.

Calendario venatorio regionale 2018/2019

La stagione venatoria in Regione Basilicata ha inizio il 1 ottobre 2018 e termina il 30 gennaio 2019.

La caccia al Cinghiale, nel territorio a caccia programmata e vocato alla specie, è consentita dal 3 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018, esclusivamente in squadra e solo in battuta e braccata con l’uso esclusivo di munizioni senza piombo. E’ consentito l’abbattimento occasionale dei cinghiali in forma individuale, senza l’ausilio di cani da cinghiale, esclusivamente al di fuori dei Distretti di Gestione.

Il prelievo di selezione alla specie cinghiale è consentito in attuazione di uno specifico piano di abbattimento selettivo. E’ consentito, se opportunamente necessario, il completamento del Piano di Abbattimento Selettivo.

Per la caccia alla volpe, dal 1 ottobre 2018 al 30 dicembre 2019 e per il prelievo in squadre organizzate con l’ausilio dei cani da seguita previo piano di abbattimento, dal 02 gennaio 2019 al 30 gennaio 2019.

Per le specie ghiandaia e colombaccio da appostamento temporaneo la stagione termina il 10 febbraio 2019. La stagione venatoria ha inizio il 16 settembre 2018 per le specie tortora, merlo, lepre comune, gazza e cornacchia grigia.

Ai soli cacciatori residenti e domiciliati in Basilicata, esclusivamente nelle giornate del 2, 5 e 12 settembre 2018, unicamente da appostamento temporaneo è consentito il prelievo per le specie gazza e cornacchia grigia mentre esclusivamente nelle giornate del 2 e 5 settembre 2018, unicamente da appostamento temporaneo e limitatamente agli ambienti con presenza di stoppie, negli incolti, lungo i corsi d’acqua, lungo i canali alberati, all’esterno di aree boscate, è consentito il prelievo giornaliero per massimo 5 capi della specie tortora.

Ai cacciatori non residenti e non domiciliati in Basilicata, l’accesso agli AA.TT.CC. è consentito dal 03 ottobre 2018 al 30 gennaio 2019 limitatamente al prelievo venatorio delle specie migratorie.

Periodi e specie cacciabili, in dettaglio:

• Quaglia dal 1 ottobre 2018 al 31 ottobre 2018;

• Tortora esclusivamente da appostamento temporaneo dal 16 settembre 2018 al 30 settembre 2018;

• Tortora in forma vagante dal 1 ottobre 2018 al 7 ottobre 2018;

• Fagiano esclusivamente nelle aziende faunistico-venatorie, in attuazione di specifici piani di prelievo, dal 1 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Fagiano esclusivamente nelle aziende agrituristiche venatorie dal 3 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Fagiano in attuazione di specifici piani di prelievo redatti dagli AA.TT.CC dal 3 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Merlo dal 16 settembre 2018 al 30 dicembre 2018; allodola dal 1 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Beccaccino, frullino e pavoncella dal 1 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019;

• Marzaiola, mestolone, fischione, gallinella d’acqua, porciglione, folaga, germano reale, canapiglia, codone e alzavola dal 1 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019;

• Colombaccio in forma vagante dal 1 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Colombaccio dal 02 gennaio 2019 al 10 febbraio 2019, esclusivamente da appostamento temporaneo;

• Ghiandaia dal 01 febbraio 2019 al 10 febbraio 2019, esclusivamente da appostamento temporaneo;

• Beccaccia dal 7 ottobre 2018 al 30 dicembre 2018;

• Tordo, sassello e cesena dal 07 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019;

• Tordo bottaccio, gazza e cornacchia grigia dal 16 settembre 2018 al 30 gennaio 2019; Ghiandaia dal 1 ottobre 2018 al 30 gennaio 2019.

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura