Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Abbattono capriolo di frodo: sospesi per un anno

Abbattono una femmina di capriolo, violando il regolamento sulla caccia.

A un’intera squadra di cinghialai è stata tolta la licenza di caccia per un anno, e  coloro che facevano parte del gruppo non potranno più svolgere l’attività venatoria.

È la decisione presa dalla Provincia di Genova, che ha revocato in blocco le autorizzazioni date ad una squadra numero operante nei Comuni di Favale di Malvaro, Lorsica e Rezzoaglio, tutte nel genovese.

A provocare l’atto di revoca è stata una violazione commessa lo scorso 5 dicembre  quando un cacciatore  «…partecipando ad una battuta di caccia al cinghiale in qualità di capo squadra, come risulta dalla scheda giornaliera della battuta della squadra abbatteva non in forma selettiva e senza autorizzazione una femmina di capriolo. All’atto dell’accertamento l’ungulato risultava già in parte scuoiato ed eviscerato».

Nel provvedimento assunto dalla Provincia si comunica la sospensione dall’attività venatoria per un periodo di 12 mesi ai partecipanti alla battuta, e cioè 16 componenti sui 30 totali iscritti alla squadra.

 

www.ilsecoloXIX.it

 

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura