Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Dalmazia:battuta di caccia subacquea al cinghiale

Notizia senza dubbio curiosa, quella riportata dal sito del quotidiano triestino “Il Piccolo” (www.ilpiccolo.gelocal.it). Nei giorni scorsi, in Dalmazia, precisamente sull’isola di San Giorgio della Lesina, si è tenuta una battuta al cinghiale, animale presente in contingenti piuttosto elevati in queste zone. La battuta era organizzata dall’Unione Venatoria della Contea di Spalato e dall’Associazione Venatoria di Lesina e ad essa hanno preso parte numerosi cacciatori, che hanno ucciso parecchi suidi fin quando uno di questi, ferito, è riuscito a sottrarsi ai suoi “aguzzini” gettandosi in mare ed iniziando una fuga a nuoto. Probabilmente si credeva già salvo, ma non aveva fatto i conti con due pescatori subacquei che, trovatoselo sulla propria strada, non hanno esitato a fiocinarlo, alla stregua di un branzino od un’orata, per poi caricarlo sulla propria imbarcazione e ripartire alla volta della terraferma. Nel frattempo, però, erano già stati allertati da alcuni testimoni i guardiacaccia, che hanno provveduto al sequestro del capo, dato che i pescatori sub non hanno assolutamente autorizzazione all’abbattimento di animali non appartenenti alla fauna ittica.

 

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura