Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Lazio, prorogata la chiusura a corvidi e colombaccio

Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini con decreto n. T00007 del 30 gennaio 2013 ha posticipato alla data del 10 febbraio 2013 la chiusura della stagione venatoria, precedentemente fissata alla data del 2 febbraio, per la caccia alle specie colombaccio (Colomba Palumbus), cornacchia grigia (Corvus corone cornix), gazza (Pica pica) e ghiandaia (Garrulus Glandarius). La decisione è stata presa dopo l’avallo ottenuto dall’ISPRA, un’istituzione che sicuramente non può essere tacciata di contiguità col mondo venatorio, eppure non ha mancato di scatenare le solite, strumentali polemiche da parte delle associazioni animal-ambientaliste, spalleggiate politicamente in questo caso dai partiti di centro-sinistra che, in attesa delle imminenti elezioni, siedono tra i banchi dell’opposizione alla "Pisana". Certo fa specie rilevare come, allorché l’ISPRA rilascia un parere favorevole alle istanze animaliste, queste associazioni ed i loro sodali politici si affrettino ad indicarla come unico organo in grado di gestire l’attività venatoria in Italia secondo principi di assoluta scientificità, mentre invece una posizione come questa, che avalla le richieste del mondo venatorio, non venga presa in considerazione, cosa che impedirebbe di gridare, come abitudine vuole, al "massacro della fauna selvatica". L’onestà intellettuale, questa sconosciuta…

 

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura