Menu
RSS
Toscana: il Tar rigetta il ricorso degli animalisti sul Calendario Venatorio

Toscana: il Tar rigetta il ricorso …

Ottime notizie per i cacc...

Roma: gli animalisti scatenano una rissa alla convention di Zingaretti

Roma: gli animalisti scatenano una …

Pubblichiamo questo video...

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio Pilato o i “ladri di Pisa”?

ARCI CACCIA E ANLC FIRENZE: Ponzio …

Occorre fare qualche prec...

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACCI

ANUU: SONO ARRIVATI I TORDI BOTTACC…

E così il 9 ottobre sono ...

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PROBLEMATICA DELLA GESTIONE DEL CINGHIALE

FIDC MACERATA: APPROFONDIAMO LA PRO…

Il cinghiale sta espanden...

Bolzano: aperti gli abbattimenti dei cervi nel Parco dello Stelvio

Bolzano: aperti gli abbattimenti de…

I cervi del Parco dello S...

Benelli: Raffaello Be Diamond

Benelli: Raffaello Be Diamond

Il duemiladiciotto, in ...

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE VA BENE UNA

FIDC PIEMONTE: ALLA REGIONE NON NE …

Il TAR Piemonte ha blocca...

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME VICENDE DEL CALENDARIO VENATORIO HA PESATO LA POSIZIONE DELL’ASSESSORATO

FEDERCACCIA SARDEGNA: SULLE ULTIME …

Abbiamo difeso lo stesso ...

Calabria:  stanziati 3 milioni per 41 progetti di tutela dell'habitat

Calabria: stanziati 3 milioni per …

“Con orgoglio presentiamo...

Prev Next

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Lucca: interrogazione alla Provincia su aumento tasse venatorie

Il consigliere provinciale del Pdl di Lucca, Maurizio Marchetti ha presentato un’interrogazione al presidente della Provincia, Stefano Baccelli, circa la tassazione rivolta ai cacciatori della Provincia (circa 10 mila persone), in caso di scelta di un secondo ATC. Marchetti ha dichiarato, a

www.luccaindiretta.it: «Nel 2008, quando fu approvata la rivoluzione degli Ambiti Territoriali di Caccia della Provincia di Lucca, a parziale risarcimento dei cacciatori lucchesi fu deciso che la scelta di secondo ATC per i cacciatori fra quello 12 lucchese e versiliese e quello ampliato, l’11 garfagnino, e viceversa, fosse gratuita. Oggi sembra che questo patto morale voglia essere disatteso per fare cassa sulla pelle dei cacciatori. Non mi sembra giusto, sono assolutamente contrario e per questo ho presentato una interrogazione alla presidenza provinciale affinché smentisca queste voci oppure corregga l’intenzione, lasciando lo stesso costo per i cacciatori lucchesi».

 

Torna su

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura