Menu
RSS

facebooktwitteryoutubehuntingbook

Luca Gironi

Luca Gironi

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nobel Sport Italia LE POLVERI VECTAN TUBAL

logo nobel 

Credo che facendo le dovute proporzioni, in Italia ci sia il più alto numero di cacciatori – ricaricatori del mondo! Infatti, chi non ha avuto un padre, uno zio o un nonno che praticavano la sana ricarica casalinga delle munizioni da caccia? Lo facevano “anche” per risparmiare, ma soprattutto perché abbattere un selvatico con una munizione artigianale fatta in casa, secondo i propri gusti e le proprie esigenze, è tutta un’altra cosa che farlo con una munizione originale magari assemblata all’estero. Questo per quanto riguardava le cartucce per fucili a canna liscia, comprese le palle asciutte da utilizzare sui cinghiali, mentre oggi invece, la stragrande maggioranza dei ricaricatori italiani si dedicano alla ricarica delle munizioni metalliche da carabina, con cui poter cacciare dal piccolo nocivo al grosso selvatico a pelle spessa con successo. Già il termine “ricarica” fa pensare che almeno il bossolo viene recuperato, riutilizzato, ma tutti gli altri componenti devono essere acquistati presso le armerie come inneschi, palle e propellenti. Di ogive adatte allo scopo se ne trovano di talmente tanti tipi da risultare quasi impossibile poterli elencare tutti. Spesso molto differenti tra loro per composizione chimica, per struttura, per costruzione, per foggia e peso, ma questo è proprio il bello della ricarica, no? Il poter disporre di moltissimi componenti in grado di soddisfare anche il tiratore – cacciatore più esigente, ma nel contesto c’è anche “l’anello debole” della catena ed è il propellente, la polvere da sparo. Non crediate che nelle armerie se ne trovi così tanta, a buon mercato e con le caratteristiche volute. Anzi, diciamo che è proprio il contrario. L’attuale offerta di propellenti è quasi sempre di prodotti stranieri, e questo potrebbe anche andarci bene, ma la “costanza” nelle prestazioni e nelle forniture, spesso lascia molto a desiderare.

DSCN8225 min

Permettetemi di presentarmi: sono Marco Benecchi, l’autore di TRE Speciali sulla Ricarica delle Munizioni Metalliche da Carabina: I calibri Europei, I calibri Statunitensi & Tutti gli altri Calibri, quindi non credo sia il caso di ricordare quanti quintali, se non tonnellate, di polvere io abbia utilizzato e caricato in tutta la mia vita. Tra i vari tipi di propellenti, quando riuscivo a reperirli, mi hanno sempre deliziato le polveri la VECTAN, per molti motivi, come la bontà del prodotto, la costanza di prestazioni e le caratteristiche di precisione e di velocità ottenibili. Tutti noi “vecchi pionieri” della ricarica abbiamo utilizzato per decenni le polveri Vectan SNPE come le Tubal le SP e le BA. Con esse è stato possibile assemblare eccellenti munizioni praticamente dal minuscolo 222 Remington al potentissimo 458 Winchester Magnum sempre con ottimi risultati, anche grazie ai provvidenziali Manuali con le tabelle di Caricamento che la Vectan distribuiva. Sempre pratici, affidabili e con dosi precise e accurate, anche perché altrimenti sarebbe stato quasi impossibile utilizzare le polveri Vectan senza aver avuto delle ottime basi di partenza. A testimoniare quanto possa essere alta la bontà dei prodotti Vectan e la fiducia che in molti abbiamo riposto in essi, anche molti giornalisti di settore e/o tester qualificati hanno pubblicato prove e collaudi con questi propellenti. Oggi, grazie alla Nobel Sport Italia, produttore e leader europeo all’avanguardia nei processi manifatturieri con un’esperienza tricentenaria in materia di polvere, propulsione e balistica, la distribuzione e la commercializzazione delle polveri Vectan è diventata una piacevole realtà per tutti gli appassionati di ricarica.

DSCF2849 min

La Nobel Sport Italia, forte della sua storia, del suo know-how unico e della sua profonda conoscenza dei componenti, gode di una reputazione mondiale per i suoi prodotti e per i suoi servizi di elevatissima qualità, con un reparto sempre alla ricerca e allo sviluppo di polveri da sparo adatte alle specifiche richieste della clientela internazionale. Le prestazioni balistiche, la pulizia, la stabilità, la riproducibilità e l’omogeneità dei lotti sono in costante miglioramento e coprono un’ampia gamma di esigenze del mondo della caccia e del tiro sportivo. Vectan non è solo un marchio industriale, ma una vera passione che vive dentro la Nobel Sport, che identifica una gamma completa di polveri predilette dagli appassionati di ricarica di tutto il mondo, certi di poter usufruire di un prodotto sicuro, costante, prestigioso e altamente all’avanguardia. Ogni singola confezione di polvere Tubal racchiude anni e anni di duri test in laboratorio e di intense prove, sia in poligono sia sui territori di caccia. Ogni tipo di polvere è una certezza per chi vive ed ama il mondo della ricarica. La Vectan ha in catalogo quattro tipi di polveri Tubal: la 3000, la 5000, la 7000 e la 8000. Sono tutte delle Nitrocellulose pure a singola base non porose che si diversificano tra di loro per dimensioni, densità gravimetrioca (MVA) e per potenziale calorimetrico. Il grado di vivacità è decrescente, nel senso che la 3000 è la più vivace mentre la 8000 la più progressiva. Tutte sono perfette per precisione, costanza e sequenza di tiro. I propellenti Tubal sono concepiti per la ricarica di munizioni destinate sia ad un uso venatorio sia per quello sportivo, perché caratterizzati da una stabilità superiore a molte altre polveri in commercio. Le quattro tipologie in oggetto sono state appositamente studiate per essere impiegate nei calibri più diffusi e comuni. 

DSCF2853 min

La Tubal 3000 é la più vivace della serie e il suo rateo di combustione è pressoché identico a quello della Vihtavuori N530, della Reload Swiss RS40, della Ramshot TAC, della IMR 8208 XBR e della Hodgdon H 4895. E’ un propellente particolarmente apprezzato nel caricamento nelle munizioni .222 e .223 Remington, .30-06 Springfield, .308 Winchester e 9,3x74R. E’ perfetta anche per .22-250 Remington, .30-30 Winchester, .375 H&H Magnum, .458 Winchester Magnum, 45-70 GVT, 6mm PPC (e PPC-USA). La Tubal 5000 è una polvere di media vivacità di combustione simile a quella della Vihtavuori N150, della Reload Swiss RS50, della Norma URP, della Ramshot Big Game e della PRB PCL 511. E’ particolarmente indicata per le munizioni più utilizzate come il .222 e .223 Remington, il .30-06 Springfield, il .243 Winchester, il .270 Winchester, il .308 Winchester, il 9,3x74R. E’ ottima anche nei calibri .22-250 Remington, .30-30 Winchester, .375 H&H Magnum, .458 Winchester Magnum, 45-70 GVT, 6,5x55 SE, 8x57 IS e altre ancora. La Tubal 7000 viene indicata per i calibri maggiormente adoperati come il .270 Winchester e il 9,3x74R. Questa polvere è ottimale anche per il .30-06 Springfield, il .243 Winchester, il .300 Weatherby Magnum, il .300 Winchester Magnum, il .416 Rigby, il 7mm Remington Magnum, il 7mm Weatherby Magnum, il .338 Winchester Magnum, il .375 H&H Magnum, l’8x57 IS e il 6,5x55 SE. La sua velocità di combustione è collocata tra la Vihtavuori N550 e N160 e pressoché identica a quella della Reload Swiss RS62, della Rottweil R904, della Norma 204, della IMR 4350, della Hodgdon H 4350 e della Accurate AA 4350. La Tubal 8000: è appropriata per il caricamento del .270 Winchester, ma va anche molto bene anche per il .270 Weatherby Magnum, il 7mm Remington Magnum il 7mm Weatherby Magnum, il .300 Winchester Magnum e il .338 Winchester Magnum. E’ la polvere meno vivace della serie con un rateo di combustione da collocabile tra la Vihtavuori N560 e N165 e simile alla Rottweil R 905 e alla Hodgdon H 4831 Tutti gli appassionati di Ricarica casalinga sanno che le caratteristiche principali che devono avere le polveri da sparo sono: la Continuità e la Costanza nei caricamenti, quindi la possibilità di ritrovare sempre la polvere desiderata nella nostra armeria di fiducia, e magari che sia anche dello stesso lotto di produzione. Ora che la Nobel Sport Italia ha deciso di intraprendere la diffusione “regolare” delle nuove polveri Vectan, non dovrebbero esserci più problemi a caricare tutti i calibri da noi scelti per la caccia e per il tiro. Ma prima di procedere con le operazioni di caricamento va sempre ricordato di procedere con prudenza. Ricordate che i dati riportati nel dettagliato Manuale di Ricarica diffuso dalla NSI – Vectan, sono puramente indicativi e riferiti a caratteristiche medie degli elementi di caricamento come bossolo, innesco, polvere, borra, palla. Inoltre, c’è sempre da considerare l’età e le condizioni strutturali dell’arma dove le munizioni andranno impiegate. Le tabelle di caricamento sono state preparate con l’ausilio dei laboratori della Nobel Sport Italia in conformità alle norme CIP e in condizioni controllate. L’utilizzatore potrebbe addivenire a risultati differenti a causa di differenti metodi di caricamento, procedure, componenti ed attrezzature nonché condizioni climatiche. L’attività di carica è un processo pericoloso e come tale deve essere eseguito solo da persone dotate di comprovata esperienza e munite di strumenti idonei e conformi all’uso; va effettuata in ambienti appositamente predisposti e dotati delle opportune cautele. In ogni caso, tenuto conto delle variabili che influenzano la balistica di una cartuccia nelle varie fasi di caricamento, e che possono portare facilmente i valori della stessa a livelli di estrema pericolosità, decliniamo ogni responsabilità per qualsiasi impiego di materiale e/o di informazioni da noi forniti e utilizzati al di fuori del nostro diretto controllo. Uno scostamento anche marginale rispetto alle indicazioni o la presenza di componenti non conformi o deteriorati può portare a danni a persone, cose e/o animali. Il mero utilizzo diretto od indiretto dei dati di riferimento tabellare forniti comporta una completa, piena ed informata accettazione delle condizioni di cui sopra e ipso facto declina Nobel Sport Italia ed i suoi distributori da ogni responsabilità e consiglia tutti i ricaricatori di seguire scrupolosamente i seguenti consigli:

• Utilizzare protezioni per gli occhi durante le operazioni di carica e durante l’utilizzo delle armi. Non ingerire; non inalare direttamente.
• Utilizzare una postazione di lavoro sempre pulita e sgombra da quanto non necessario ai processi di caricamento; non utilizzare
aspirapolveri nelle operazioni di pulizia.
• Utilizzare le quantità di polveri necessarie al caricamento; ricordarsi che lotti diversi possono comportare variazioni di velocità e
pressione per cui si raccomanda di iniziare partendo dalle dosi minime raggiungendo le dosi massime per gradi, verificando di
volta in volta se sui bossoli o sugli inneschi sparati compaiano segni di pressione eccessive.
• Non eccedere mai le dosi massime.
• Non mischiare polveri o inneschi di tipo diverso. Non conservare polveri vecchie o di recupero.
• Verificare sempre che i bossoli utilizzati per la ricarica siano esenti da difetti che ne compromettano la resistenza quali cricche,
fessurazioni, schiacciamenti, ecc.
• Non effettuare il caricamento se si è stanchi o si ha fretta.
• Verificare l’assenza di materiali che si caricano elettrostaticamente in quanto pericolosi.
• Non fumare, né tenere combustibili o liquidi infiammabili in prossimità del caricamento.
Le operazioni di ricarica vanno, in ogni caso, sempre effettuate nel rispetto della normativa in vigore al momento delle operazioni
stesse.

 

Marco Benecchi

Tubal 3000 min

NOBEL SPORT ITALIA srl
Stabilimento:
Strada Pavese, loc. Baronina - 15050 RIVALTA SCRIVIA (AL)
Lat. 44.847932 Long. 8.801305
tel. (+39) 0586 875611
info@ nobelsport.it www.nobelsport.it

GIUSEPPE RUMERIO, il Maestro Scultore della Val Gardena

Giuseppe Rumerio lavora il legno. Dalle sue mani escono delle opere d’arte talmente belle che è difficile immaginare che provengano da un semplice blocco di legno. Giuseppe è timido, schivo, ma al contempo disponibile, gentilissimo e, a modo suo, anche aggressivo quando impugna mazzuolo e scalpello. Dopo aver visto di cosa è capace, mi sono sentito in dovere di approfittare delle nostre pagine per presentarvi un’artista tanto bravo quanto unico nel suo genere, che merita veramente di essere conosciuto meglio. Giuseppe Rumerio è nato il 1 giugno del 1949 a Cittiglio in provincia di Varese da padre muratore e madre cuoca. Una famigliola normale, se non fosse stato per il fatto che la mamma, nativa di Ortisei, era una diretta discendente della prima stirpe di scultori di tutta la Val Gardena. A soli quattro anni Giuseppe giunge finalmente nella terra che gli è più congeniale, dove inizia ad amare uno dei suoi prodotti più caratteristici: il legno di cirmolo. Chiunque dimostra tanta abilità nell’arte è perché è nato con un dono della natura. Al piccolo Giuseppe infatti, veniva più facile ricavare un angioletto o un capriolo da un pezzo di legno che dare quattro calci ad un pallone.

RumGiu 14A 011 16 rgb S min

 

Dopo aver imparato tutti i trucchi del mestiere ed aver acquisito padronanza e maestria nel maneggio degli utensili, Giuseppe Rumerio decise che era ora di mettersi a lavorare seriamente e di dedicarsi alla difficile ed esclusiva creazione di oggetti sacri, come statue di santi e crocifissi, oggetti molto richiesti dai turisti di tutta Europa, che ogni anno a migliaia visitano la splendida valle altoatesina e che difficilmente la lasciano senza aver preso un bellissimo e profumato souvenir in legno. Rumerio col tempo consegue anche il diploma di Maestro Artigiano che sapientemente riesce ad abbinare all’esperienza ed al suo irresistibile estro per creare sempre opere nuove sia in legno sia in bronzo. Oggi tutte le sue sculture sono esclusivamente ed integralmente fatte a mano e tutelate da un marchio e da un certificato di garanzia. Chi lo conosce bene, sa che ormai nelle vene di Giuseppe non scorre più il sangue, ma trucioli e resina! Artisticamente parlando, è completamente autodidatta e tutto quello che sa fare e la magica ed insuperabile arte che esprime l’ha imparata da solo nel piccolo laboratorio che suo papà gli aveva costruito tanti anni addietro nella loro bella casa tra i monti.

ORTISEI 127 min

Giuseppe Rumerio si definisce un uomo felice e sereno, perché oltre ad avere una meravigliosa famiglia la sua unica attività è sempre coincisa con la sua grande passione: la scultura in legno. Basta recarsi nella sua casa ad Ortisei, oppure visitare il suo sito su internet, per rendersi conto se ciò che dico è vero. Credetemi, la sua arte è insuperabile, indipendentemente dal soggetto scelto. Se ti trovi davanti ad una sua scultura, capisci al volo che l’ha fatta lui. Possiede una genialità ed una cura dei dettagli difficilmente riscontrabile in altri artisti. Giuseppe le sue opere in legno, ma anche in bronzo, le crea di sana pianta, le modifica le rifinisce e le abbellisce a suo piacimento o su richiesta del committente sempre con le proprie mani. Alcune sue sculture riescono veramente a toglierti il fiato. Giuseppe, a differenza di molti altri scultori ed artisti, non ha un atelier vero e proprio dove espone le sue opere. Lui lavora in casa, in un piccolo locale profumato di legno e resina arredato spartanamente e con le pareti arricchite da tanti trofei di caccia. Si, perché Giuseppe è anche un appassionato e bravissimo cacciatore di montagna. Visitando dove opera abbiamo visto pochissime sculture finite, ma molte ancora in fase d’ultimazione ed altre ancora che risalgono addirittura a quando, giovanissimo, scoprì il suo innaturale talento. Per Giuseppe il legno non ha praticamente segreti e lavorarlo è una sfida a cui non sa resistere. Dalle sue mani è uscito e può uscire di tutto. Ritratti, statue con sembianze umane e di animali, paesaggi, scene di caccia e scene sacre come crocifissi, vie crucis e natività. Come si possono descrivere le sue opere? Personalmente definirei Rumerio come un moderno Michelangelo che invece di lavorare il marmo ha scelto il legno pregiato. Giuseppe è forse noto più all’estero che in patria. Ha partecipato a moltissime mostre a Treviso, Firenze, Milano, Torino, Monaco di Baviera, Francoforte, Amburgo, Parigi, Lione, Innsbruk, ed anche in America, dove ha suscitato un grandissimo interesse sia di critica sia di pubblico. Alle normali incisioni, intagli, intarsi ecc, Giuseppe sa coniugare la conoscenza e l’abilità della semplice lavorazione del legno con l’originalità dell’invenzione e dell’arte. Crea personaggi possenti nella struttura tra il popolare ed il mitico come galoppanti e frementi cavalli, voli di germani, paesaggi da favola, animali selvatici montani come caprioli, cervi, aquile e camosci, ma anche bufali, leoni ed elefanti. Una sua scultura a grandezza naturale che riproduce un puma ha vinto un’importante e prestigioso trofeo negli USA, dove lo scultore di Ortisei gode di una grandissima fama. Giuseppe Rumerio, da buon valligiano, risente particolarmente dalla natura che lo circonda, dove l’antico animo del cacciatore si tramuta in acutezza d’osservazione degli animali e dei vegetali, che trasforma nelle sue inimitabili opere.

IMG 20160804 WA0008 min

 

Quando ho avuto l’occasione di conoscerlo personalmente, con gli occhi che gli brillavano per l’eccitazione, volle mostrarmi una cosa. Mi aspettavo di vedere un bel camoscio scolpito, una tavola con una scena di caccia al cinghiale, una statua raffigurante un santo ed invece mi ha mostrato una piccola scultura di un capriolo maschio sdraiato su un fianco alto non più di sette – otto centimetri. Un oggetto raffinatissimo degno più dell’arte orafa che opera di uno scultore in legno. “Un cliente mi ha offerto per questo piccolo oggetto ……” e spara una grossa cifra. “ma non gliel’ho dato. L’ho regalato tanti anni fa a mia moglie e non lo venderei per niente al mondo”. Mi sono sentito in imbarazzo ed onorato per aver avuto la fortuna di toccare ed ammirare una miniatura così bella. Ecco, se proprio dobbiamo trovare un difetto al mago del mazzuolo e dello scalpello di Ortisei, è, paradossalmente, proprio l’eccessiva bellezza dei suoi lavori, perché sembra impossibile che possono essere fatti esclusivamente a mano. Date retta a me, se vi dovesse capitare di passare per la Val Gardena, fate una piccola sosta ed andate a trovare Giuseppe Rumerio. State certi che non ve ne pentirete.

Marco Benecchi

 ORTISEI 121 min

Le Sue MOSTRE
2008 – “Il cavallo nell´arte” Abano Terme
2005 – Primo premio concorso “Monumento al cavallo cittá di Lonigo”
2004 – South Eastern Wildlife exposition Charleston South Carolina (USA)
2000-2004 – Show at the Rollins Gallery (USA)
2003 – Show for Harmon Kyllebrow Minneapolis Minesota (USA)
2000 – Tiroler Jagdschutz Innsbruck Wild und Kunst
1999-2000 – Mostra Chateau de Sully sur Loire Francia
1997 - Festival European de Langres “L`animal dans l`art” Francia selezionato da Face
1993 – Mostra personale “Selvaggina alpine” nel castello di Velturno
Nel 2011 é prevista una mostra personale in Albenga (SV) Liguria

 


GIUSEPPE RUMERIO
SCULTORE - SCULPTER
Esegue qualsiasi tipo di lavorazione artistica su legno.
Con stile classico, moderno e tradizionale.
Dalle piccole opere a quelle monumentali.
Via Rumanon, 12
39046 Ortisei – St Ulrich (BZ) - Italy
Tel. + Fax +390471797206
Cell. +393284347238
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.rumerio.com

 

 

Caccia in azienda: sì, ma quale?

L'ultima parte della stagione venatoria, per il cacciatore cinofilo porta con se il periodo più infausto. Le aree agricole, infatti, con fagiano, starna e pernice ormai non cacciabili, sono giustamente interdetti all'attività venatoria quasi ovunque. In molte regioni, il capodanno porta con sé addirittura la fine della caccia alla beccaccia. Per questo chi vuole continuare ad uscire con il proprio amico a quattro zampe non ha altra scelta che rivolgersi ad una delle tante aziende venatorie sparse sul nostro territorio. Già ma quale? Ci sono formule per tutti i gusti e le esigenze, sta a noi capire cosa meglio si adatta alle nostre necessità cinovenatorie e, ai nostri gusti, naturalmente. Se vogliamo semplificare, ci sono due grandi famiglie di Aziende e questo penso lo sappiano tutti. Si tratta delle Aziende Faunistico Venatorie e delle Aziende Agrituristico Venatorie. Ma che differenza passa tra le due tipologie? La prima tipologia è impresa di gestione, in cui il governo del territorio e la pianificazione del prelievo portano al mantenimento di una popolazione di fauna cacciabile stabile sul territorio. In queste aziende, insomma, la caccia viene gestita come nel territorio libero, con immissioni possibili solo nel periodo estivo e un prelievo programmato di ungulati e stanziale. In questi istituti è possibile cacciare la selvaggina migratoria sia in forma vagante che da appostamento fisso o temporaneo. Quindi sembrerebbe la soluzione migliore, selvatici stanziali “veri” e migratoria, che volere di più... Purtroppo i costi di gestione di una simile struttura sono piuttosto elevati e la legge pone un limite ben preciso, legato alla superficie aziendale, al numero di cacciatori che possono accedervi contemporaneamente. Questo fa sì che il prelievo resti corretto, ma ingenera dei costi assolutamente proibitivi per la maggior parte dei comuni mortali.

Una splendida vista della vallata che rende lidea della variabilità e validità dei suoi ambienti min min

Per questo, per la grande massa dei cacciatori, sono assolutamente più gettonate le Aziende Agrituristico Venatorie, che permettono di passare una giornata in compagnia, osservando il lavoro del proprio cane, con una spesa significativamente più modesta. Quali sono le principali differenze con una faunistico venatoria? In queste strutture è assolutamente vietato abbattere la selvaggina migratoria ed è consentito abbattere solo capi di stanziale e ungulati appositamente immessi e provenienti da allevamenti. In questa cornice, abbastanza vaga e scarna per la verità, se ne sta una grandissima abbondanza di tipologie aziendali, perché l’impostazione dell’agrituristico venatoria, può spaziare dal pollaio a qualcosa che si avvicina molto alle Faunistiche. Cogliamo l’occasione per presentarvi un'azienda con queste ultime caratteristiche, una Agrituristica di assoluta qualità, che grazie a una attenta e rigorosa gestione, permette al cacciatore cinofilo di praticare l'attività venatoria con notevole soddisfazione. Stiamo parlando dell'Azienda Turistico Venatoria La Vallata di Lajatico. Situata in uno scenario fantastico, le colline che digradano dal pittoresco borgo di Lajatico, reso celebre dal suo cittadino più illustre, il tenore Andrea Bocelli, l'Azienda si sviluppa su un’ampia superficie comprendente coltivi, pascoli e boschetti. Patron della Vallata è Carlo Giusti, che oltre a gestire magistralmente, assieme alla sua famiglia, la bellissima struttura ricettiva dell'azienda, mette a disposizione dei cacciatori la sua grande esperienza di cinofilo. E' dalla sua visione della caccia, infatti, che scaturisce l'interessante progetto dell'Azienda Naturalistica La Vallata. Già perché questa non è un'azienda come tutte le altre, qui tutto è pensato per regalare al cacciatore ospite, un'esperienza di caccia vera su selvatici di assoluta qualità in terreni appositamente pensati e gestiti. Certo la caccia avviene su selvatici immessi, ma non troverete animali pronta caccia qui. Una volta fatti i permessi, uno degli accompagnatori dell'azienda condurrà sui terreni aziendali cacciatori e ausiliari che si confronteranno con i fagiani e le starne che stabilmente popolano l'azienda. Il cuore della tenuta, il terreno che le dà il nome, è un'ampia vallata, che dalla cresta collinosa su cui sorge il borgo di cui abbiamo parlato prima scende verso il torrente Sterza. Qui i terreni sono totalmente sotto il controllo dell'azienda, che impone una ferrea rotazione delle colture, alternando di anno in anno pascoli, incolti e coltivi, in modo da rendere il territorio piacevole per la vista e accogliente per la fauna. Si è cercato, infatti, di ripristinare quell'ambiente che una volta caratterizzava la campagna Toscana plasmata dalla mezzadria, una realtà fatta di piccole proprietà con una moltitudine di colture inframezzate da siepi e boschetti. Insomma una grande biodiversità, costituita da un insieme di fasce ecotonali, in cui cacciare è davvero piacevole. Già, perché i selvatici target dell'azienda, fagiano e starna, hanno bisogno di ambienti leggermente diversi. Infatti, il primo, più rustico, si avvantaggia delle colture a perdere, delle grandi siepi, dei boschi di querce e dei gerbidi. La seconda, il galliforme più amato da chi caccia col cane da ferma, si trova perfettamente a suo agio nelle grandi estensioni di medica e nelle colline tenute a pascolo che rappresentano oltretutto uno scenario fantastico in cui cacciarle. Infatti, cacciare, almeno per il cinofilo vero, non consiste solo nell'abbattere il selvatico. Molto più importante è gustarsi il lavoro del cane, ma per riuscire a goderne appieno, dobbiamo cacciare il selvatico giusto nei terreni più adatti. E questo è il leitmotiv che Carlo Giusti ha impresso al suo progetto, curando l'ambiente nei minimi dettagli per permettere la sopravvivenza degli animali, senza perdere di vista la soddisfazione dei cacciatori.

Apertura min min

 

La vallata, è solcata da un corso d'acqua lasciato volutamente allo stato selvaggio. Si tratta di una riserva idrica che non si esaurisce in nessuna stagione, fattore molto importante perché le attività aziendali non si concludono con la fine della stagione venatoria. La qualità dei terreni e degli animali ha fatto sì che l'azienda sia scelta spesso come teatro di importanti competizioni cinofile. Ma per fare questo è necessario costruire un “patrimonio” di selvatici da mantenere stabilmente sul terreno. Quindi è d’obbligo un'attenta gestione del territorio abbinata ad animali di qualità superiore. Fortunatamente questo non rappresenta certo un problema alla Vallata, anni di attenta selezione degli allevamenti, assicurano la qualità degli animali, che vengono agevolati nella permanenza, oltre che da scelte colturali oculate, dalla presenza di corsi d'acqua e sorgenti perenni e da un sistema di beccatoie irraggiungibili dai cinghiali. L'aggiunta dei richiami per la starna, che contribuiscono a mantenere compatte le brigate, dà grande mano all'ambientamento dei selvatici.

DSC 0075 min min

Delle starne, Carlo è particolarmente fiero. Questi selvatici, ormai praticamente estinti in natura, infatti, sono il sogno di ogni cinofilo di livello e riuscire, in periodo di “abbattimenti chiusi”, a reinsediare qualche brigata stabile, è sintomo della bontà del lavoro svolto. Infatti, se a caccia aperta si reimmettono periodicamente i capi prelevati, adesso, a fine gennaio, l'attenzione si sposta sull'addestramento e le prove, senza che l’attività venatoria subisca alcun tipo di rallentamento. Questo la dice lunga su due fattori, primo la crescente importanza della cinofilia e secondo il grado di successo che l’azienda riscuote tra gli appassionati. Il nostro intento con questo articolo era quello di incuriosirvi, speriamo di esserci riusciti, per questo vi suggeriamo il modo migliore per togliervi la curiosità: Andate a dare un’occhiata in “Vallata”, non ve ne pentirete.

Contatti: 
Azienda Naturalistica La Vallata
Via Provinciale per Lajatico,55
Lajatico (PI)
Siti web:

www.lavallatalajatico.it

Pagina FB:

Toscana Caccia - Lajatico Pisa

Carlo Giusti – 0587/640017 – 327 935 2257

SONO DISPONIBILI PACCHETTI WEEK END COMPRENSIVI DI PERNOTTAMENTO E PRIMA COLAZIONE PER CACCIATORI E FAMIGLIE

 

Normative

Ambiente

Enogastronomia

Attrezzatura